La Bolla dell'Autismo. Il LIBRO per evitare la trappola dell'autismo

CONSULTI PER BAMBINI ADOLESCENTI E FAMIGLIE

PUÒ ESSERE ORDINATO A QUESTO LINK, la versione italiana, e a quest'altro link quella inglese.

Il libro è un pamphlet di denuncia della situazione, ed ha la finalità di allargare l'informazione e la conoscenza di quanto si è venuto a creare negli ultimi anni intorno al tema dell'autismo. In precedenza avevo indirizzato una petizione via change org al ministro della sanità , con un appello a cambiare approccio ai bambini con difficoltà evolutiva, che oggi restano imprigionati nella rete dell'autismo, insieme con le loro famiglie.
Il libro parla sia della bolla speculativa delle diagnosi di autismo che sta dilatandosi ovunque a dismisura, con 'offerte' diagnostiche e terapeutiche alquanto 'interessate' se non truffaldine, sia delle 'bolle', quasi bolle di sapone, involucri psico-relazionali da cui per così dire vengono avvolti i bambini che ricevono una simile diagnosi, o anche solo un sospetto, un dubbio, una paura. Questo bolle li rendono quasi invisibili alle persone, che prese dall'ansia, una vera autismo-fobia dilagante, finiscono per guardare solo a sintomi, tabelle, comportamenti, senza più occuparsi della piccola persona che c'è dentro.
Spero che la pubblicazione del libro e la sua presentazione in varie sedi possa contribuire a diffondere l'appello e far emergere la grave situazione, oltre ad aiutare qualche genitore a non cadere in questa trappola ed evitare il tunnel dell'autismo.

PRESENTAZIONE DEL LIBRO (Indice e argomento)

VIDEO di presentazione, prima parte.

Presentazione del libro - venerdì 31 Luglio alle 21:30 nella piazza di Alberese, GR., a cura della Pro Loco Alborensis - VIDEO

NB Alcuni genitori propongono un gruppo di confronto e coordinamento tra le persone interessate a portare avanti le finalità della petizione via change org contro l'attuale approccio alle difficoltà evolutive dei bambini, anche promuovendo il libro e i suoi contenuti.

26 Aprile 2020 - AGGIORNAMENTO - IL LIBRO È DISPONIBILE SIA NELLA VERSIONE CARTACEA CHE EBOOK E SIA IN ITALIANO CHE IN INGLESE -
PUÒ ESSERE ORDINATO A QUESTO LINK, la versione italiana, e a quest'altro link quella inglese. Buona lettura!
Il libro è disponibile anche presso librerie coop, giunti al punto, libreriauniversitaria.it. Può anche essere richiesto e ordinato in ogni libreria, che può ottererlo da Amazon a prezzo specifico.

PS I gentili lettori sono pregati di dare la loro valutazione e recensione del libro, se lo desiderano. Aiuterà la diffusione del libro e dei suoi contenuti.

Chi è interessato a discutere e promuovere i temi dell'Appello e del libro organizzando iniziative, dibattiti, presentazioni può mettersi in contatto con me o con il gruppo sopra indicato.

19 Aprile 2020 - Come forse avete già visto il libro è arrivato alla fase finale. L'ebook in inglese è già disponibile (VEDI), quello in italiano e i libri cartacei lo saranno fra poco. Grazie per l'attenzione!

Commenti

In bocca al lupo Gentile Dottor Benedetti !

Anche io sono interessata. Se poi in futuro passerà da Bari, la verremo sicuramente a trovare!

Ci aggiorni sull'uscita del libro ... la aiuteremo a divulgarlo. .

e che coraggio...era un po’ che non visitavo questo blog, sono contenta che sia così attivo

Complimenti dottore, sto leggendo il suo libro tutto d'un fiato, nei ritagli di tempo che le mie bambine mi lasciano. Mi rivedo completamente in quei genitori disperati e senza punti di riferimento che lei descrive e che credo abbiano bisogno di leggere libri come il suo, per smettere di trattare i loro bambini come malati (come i vari neuropsichiatri delle varie ASL li diagnosticano) ma come bambini e punto. Spero di ritrovare alla fine del libro suoi consigli di psicoterapia. Se così non fosse, mi auguro che presto lei ne scriva un altro specifico sull'argomento. Fare il genitore è difficilissimo, abbiamo bisogno di una guida, un manuale. Grazie infinite ❤

Mi hanno comunicato che il mio libro La Bolla dell'Autismo è stato selezionato tra i 2 finalisti della IX Edizione del Premio Letterario “Angelo Zanibelli – La parola che cura” per la categoria EDITI nella sezione PREVENZIONE E CRONICITA’. https://www.premiozanibelli.it/Zanibelli/edizione-2021/finalisti.html

La cerimonia di premiazione si terrà, Covid permettendo, martedì 9 novembre p.v. presso l’Ambasciata di Francia in Italia alle ore 18,30, Palazzo Farnese, Piazza Farnese in Roma.

Sono molto contento della notizia, spero che i contenuti del libro abbiano ulteriore diffusione e venga riconosciuta l'importanza di cambiare approccio nelle difficoltà di sviluppo psichico dei bambini, sospendendo le diagnosi di autismo e spettro autistico e promuovendo una maggiore attenzione ai fattori che favoriscono ed ostacolano il loro sviluppo.

Ho letto il suo libro con attenzione. Complimenti per il suo lavoro. Questo premio se lo merita in pieno. Grazie al suo blog e al suo libro tanti genitori stanno acquistando serenità me compresa. Magari ci fossero medici come lei che ha veramente a cuore i bambini.
Complimenti ancora

Ricevo:
Buonasera Dottore, ...ho letto con interesse e piacere quello che ha scritto.
Sono laureata in filosofia ... e forse il mio percorso di studi, forse la mia storia personale, forse entrambe le cose, mi hanno concesso di capire bene cosa intende quando parla di trappola e tunnel dell’autismo.
Quando ho visto applicare, senza porsi nessun interrogativo, delle procedure rigide di presa in carico di bambini con diagnosi di autismo, mi è venuta in mente Hannah Arendt e il suo libro ‘la banalità del male’ .
Mi piacerebbe tantissimo scambiare due parole con lei. Ho visto solo ora che ha presentato il suo libro ad Alberese, ... a saperlo sarei venuta molto volentieri!
La ringrazio per l’attenzione e per il suo prezioso lavoro.
Nella speranza di poterla conoscere presto, le mando tanti saluti

Buongiorno,
Il suo riferimento alla Arendt mi ha colpito. In effetti è proprio così. Quella per l'autismo è diventata una procedura che viene eseguita in modo asettico dai più, per obbedienza alle famigerate 'linee guida' e rinuncia alla responsabilità di vedere e pensare con i propri occhi e la propria testa. L'ossequio all'autorità e l'ipse dixit dominano anche la scienza, troppe volte, temo. E molte persone sono così mandate per un cammino deviato spesso senza ritorno allo sviluppo normale.
Ho lavorato bene con qualche logopedista quando era possibile condividere una visione allargata dello sviluppo di un bambino nella sua famiglia, non solo limitata agli aspetti meccanici e separati delle diverse abilità. Ma purtroppo questi sono quelli che prevalgono nelle valutazioni che oggi vengono fatte dei bambini, con ottiche settoriali focalizzate su aspetti parziali e non sull'intera personalità in via di sviluppo.
Ho modo, e ho avuto modo in questi ultimi anni, diventato nonno, di osservare da vicino lo sviluppo di alcuni bimbi nel primo anno di vita ed è stupefacente come può essere lo sviluppo, lasciati liberi di esplorare il mondo intorno a loro, senza i freni che spesso ostacolano le esperienze anche in questa età, involontariamente.
L'esperienza è una spinta fortissima all'apprendimento e allo sviluppo, e bisogna fare quindi attenzione alle diverse esperienze che i bambini possono avere, che possono favorirlo od ostacolarlo.
Credo che bisognerebbe riportare l'attenzione allo sviluppo e all'interazione con l'ambiente fin dai primi mesi, e avremmo una diversa visione di tutta la faccenda.

Ringrazio tutte le persone che hanno voluto gentilmente farmi i loro complimenti. Sono molto graditi.
Martedì verranno proclamati i vincitori del Premio, che comporterà l'acquisto di 200 copie del libro e la loro diffusione, ma già fin d'ora penso che ci sia stato un effetto positivo sulla diffusione dei contenuti del libro, che in fondo è l'oggetto della campagna di sensibilizzazione iniziata due anni fa con la petizione via change org e la lettera ai colleghi su Toscana Medica.

E oggi c'è la premiazione, forse... È comunque un cosa buona che sia arrivato fino qui, tante persone l'hanno letto, i suoi contenuti hanno avuto una diffusione insperata.
In diretta dalle 18:30 alle 20:30 su http://www.premiozanibelli.it/

Dottore, purtroppo hanno preferito un altro libro al suo, ma non deve arrendersi, già essere arrivati a questo punto è un grandissimo traguardo, e sicuramente il suo libro ora è più conosciuto. Noi siamo dei piccoli insetti che vogliono abbattere un'enorme gigante(il sistema diagnostico, terapeutico ed economico). Ma gli insetti sono i veri dominatori del pianeta e sopravvivranno anche alla nostra estinzione.
Quindi le dico che dobbiamo continuare a combattere e diventare sempre più numerosi. Ci vorrà tempo, forse troppo, ma un piccolo passo alla volta ce la faremo. Il video di presentazione al libro è stato molto forte e diretto, e sicuramente qualcuno di importante tra i presenti avrà iniziato a porsi delle domande, un caso su 38 è qualcosa di totalmente assurdo ed insensato. Il seme è stato posto sottoterra, ora dobbiamo solo aspettare che germogli, e che i viticci inizino ad avvolgersi intorno alle gambe del gigante per iniziare a farlo barcollare

Si, ha ragione. Grazie. Forse il video ha addirittura spaventato l'establishment... Vediamo e andiamo avanti.

Mi è dispiaciuto che non ha vinto lei questo premio. Ho seguito la premiazione nella speranza che si aggiudicasse il premio. Io il suo libro l’ho letto e mi è piaciuto. Per me meritava di vincere non solo per il libro ma per tutto il lavoro che ha fatto e sta facendo nel aiutare le famiglie a ritrovare la serenità perduta per diagnosi fasulle come la mia “rischio di spettro autistico”. Complimenti per il fatto che il suo lavoro è stato preso in considerazione e anche se non ha vinto il premio molte persone lo hanno letto. Personalmente questo lo considero un traguardo molto importante. Le auguro ogni bene.

E' vero, grazie.

Dottore anche se il libro non ha vinto, questo non deve essere assolutamente un ostacolo a questa battaglia. Il solo fatto che sia arrivato in finale secondo me è un’enorme conquista, dato il mondo che ci circonda. Il suo libro per me è stato illuminante, come per tante altre mamme, maestre e spero terapisti del campo. Ne parlo con chiunque! Forza!

Grazie, si, bisogna andare avanti!

Vorrei ringraziare Sarà F per il suo intervento di perorazione del libro di fronte alla giuria. Ha aggiunto questo ulteriore contributo al libro, dopo tutto quello che ha fatto prima per promuovere la petizione change.org con una conferenza a Pistoia e poi sollecitandomi a scrivere il libro raccogliendo gli articoli del sito, e ancora contribuendo tecnicamente al lavoro editoriale con grande abilità.

Mi è sembrato molto convincente anche il filmato che ha raccolto in modo sintetico e condensato l'essenza del libro. Forse è risultato nella sua sinteticità piuttosto duro e mi sa che ha spaventato i membri della giuria, in gran parte rappresentanti dell'establishment.

_________________________

AVVISO IMPORTANTE: i consulti on/line hanno solo valore di consigli e non intendono sostituire in alcun modo la visita medica o psicologica diretta.