Crea sito

parere assenza linguaggio

CONSULTI PER BAMBINI ADOLESCENTI E FAMIGLIE

Gentile Dottore,
le chiedo cortesemente un parere sulla situazione di mia figlia di 4 anni
è una bambina che fino ai due anni e mezzo circa, pur essendo dolce e affettuosa, sembrava spesso chiusa nel suo mondo, oltre che un po’ sofferente per alcuni problemini fisici, come vedrà nelle indicazioni del questionario.
Poi ha iniziato ad aprirsi piano piano, con una certa curiosità, maggiore ascolto ed anche guardando di più le persone.
Non ha mai parlato, si esprime con il gesto dell’indicazione e con versi vari, talvolta prova con sillabe iniziali delle parole, ed è molto fisica, cioè manifesta emozioni con saltelli, corse, sfarfallio, talvolta abbracci e baci.
A tre anni abbiamo iniziato percorso con asl su indicazione del pediatra, e la npi dopo due brevi incontri ed un test ados ha diagnosticato spettro autistico grave, dicendo che oltre ad assenza del linguaggio presentava stereotipie (sfarfallio che le dicevo) ed appariva inespressiva.
In realtà in genere è molto espressiva con il volto, però durante il test fatto freddamente da una terapista mai vista prima si è sentita a disagio e non ha in effetti fatto nulla di quanto richiesto.
Comunque abbiamo seguito per un anno corso di psicomotricità da una terapista privata molto brava che l’ha aiutata a limitare la sua iperattività ed allungare i tempi di concentrazione su un gioco e ad essere più attiva anche nello scegliere i giochi attraverso un tabellone con le immagini.
E parallelamente abbiamo iniziato logopedia, sempre privatamente.
D’altra parte, l’asl pur ritenendo il problema “grave” ha offerto solo un’ora di educatore alla settimana, dicendo che era troppo presto per altri interventi ( ?).
A prescindere dalla diagnosi di spettro autistico, su cui nutro anche io come lei forti dubbi, mi pare strano che nessuno (tranne lei) abbia chiesto a noi genitori di conoscere davvero la bimba attraverso domande dettagliate come nel suo questionario.
E mi pare ancora più strano che da marzo ad oggi, pur in assenza delle terapie interrotte per il covid, la bimba appaia migliorata sotto alcuni aspetti, come il disegno, che prima non le interessava, mentre ora si diverte a scarabocchiare, il pongo, e anche la sicurezza nel camminare da sola per mano senza cercare sempre di farsi prendere in braccio come prima.
Sinceramente sia mio marito che io ci saremmo aspettati una situazione critica con la quarantena o comunque uno smarrimento nella ripresa delle normali uscite.
Al contrario, al mare ed ora ai giardini sembra finalmente volere provare ad interagire spontaneamente con i bimbi, sia pure in modo strano, saltellando e gridando vicino a loro o provando ad accarezzarli.
Inoltre recentemente guarda la nostra bocca con attenzione quando parliamo, anche dentro, e prova con la lingua e la bocca a imitare il movimento, purtroppo senza riuscirci.
E si interessa a libricini che ora prende e sfoglia anche di sua iniziativa.
Mi chiedo, a questo punto, se possa avere influito sul cambiamento, a posteriori, la frequentazione da settembre a febbraio della scuola materna oppure l'attenuarsi dei problemi gastrointestinali?
E soprattutto se il percorso seguito prima di marzo sia stato effettivamente utile al suo sviluppo o se piuttosto sia opportuno adottare un diverso approccio per aiutarla, soprattutto adesso che ci appare più “pronta” e “recettiva”.
In attesa del suo parere la ringrazio e saluto cordialmente

QUESTIONARIO SULLO SVILUPPO PSICOMOTORIO SIMBOLICO-LINGUISTICO E RELAZIONALE
composizione familiare mamma 40 anni papà 44
età bambina 4 anni compiuti 4 aprile 2020
problemi in gravidanza no

NASCITA
parto naturale 4 gg dopo il termine
alla nascita tutto nella norma salvo lieve cianosi al volto scomparsa giorno dopo il parto
durata del ricovero in ospedale 3 notti (tempo ordinario)

PRIMI MESI
allattamento: materno esclusivo sino a 7 mesi
svezzamento iniziato a 7 mesi ma mantenuto allattamento tutti i giorni a colazione e talvolta prima della notte sino ai 18 mesi
18 mesi sostituito latte materno con latte vaccino senza particolari problemi
Distacco dal seno approfittando di un viaggio con ritmi diversi e ci stupimmo dalla scarsa reazione
Nell’introduzione cibi inizialmente problemi con carne e pesce che ora invece predilige rispetto a pasta
ritmo sonno veglia nei primi mesi
dormigliona di notte sin da subito quasi mai allattata nella notte
di giorno diversi brevissimi pisolini
persone che lo accudivano
mamma papà nonni
ritorno al lavoro della mamma: a 10 mesi part time e tuttora part time
reazione al distacco quando mamma usciva pianti forti poi abituata nell’arco di un mesetto

EPOCA SUCCESSIVA
Alimentazione piuttosto varia anche se iniziale diffidenza verso nuovi sapori
sa usare posate ma tende a mangiare con le mani per fare prima quando cibo le piace particolarmente
sonno di notte 10 ore circa
pisolino pomeridiano ha iniziato a circa 18 mesi vero pisolino lungo- attualmente circa 1 ora e mezza
di solito si addormenta vicino a mamma sul divano con canzoncine e prima la mettevamo nel suo lettino però dai tre anni -quando iniziato frequentazione baby parking e mamma e papà intensificato orario lavoro- dorme nel lettone con noi altrimenti nel suo letto si agita piange e si sveglia più volte per farsi prendere in braccio
abitudini
ciuccio usato per addormentarsi sino a un anno di età poi non l’ha più voluto
biberon usato pochissimo, praticamente è passata dal seno al bicchiere con beccuccio e poi bicchiere normale
non ha mai avuto oggetto preferito per farle compagnia o per dormire sino a un anno fa quando si è affezionata ad un orsetto regalatole e ora lo cerca se lo porta in giro gli dà talvolta cibo e da bere e spesso lo abbraccia per addormentarsi
tempo video due ore circa al giorno le piacciono alcuni personaggi dei cartoni e in quel caso segue la storia . ama molto canzoncine e balli

- SVILUPPO PSICO-MOTORIO:
dove veniva tenuto preferenzialmente dopo i primi mesi da sveglio
In braccio e sul tappeto o sul divano a giocare
Più raramente nel box
seduto da solo a che età 7 mesi

primi spostamenti a che età e come: 16 mesi strisciando e poi provato a gattonare ma pochissimo e non riusciva a muoversi granché
primi passi da solo 18 mesi (imparato da sola in 15 gg tenendosi a muro o a mobili e pochissimo per mano)

capacità motorie attuali normali fa anche scale di seguito e salta e prova ad arrampicarsi dappertutto

controllo sfinterico (pipì e popò nel vasino/wc) da due mesi circa iniziato uso water. Controllo piuttosto buono per pipì invece cacca a volte ancora le scappa Di solito la portiamo noi ogni due ore in bagno-. Solo talvolta riesce a far capire lei lo stimolo toccandosi o portandoci per mano in bagno
Provato spannolinamento già un anno fa ma desistito perché non ne voleva sapere
Due mesi fa riprovato perché sembrava volere imitare mamma nell’uso del water

- SVILUPPO RELAZIONALE
RELAZIONE e COMUNICAZIONE nel primo anno di vita curiosità verso oggetti e persone, attenzione,seguire con lo sguardo
Piuttosto solitaria anche se affettuosa con genitori e nonni
Scarso interesse per altre persone e poca curiosità anche per ambienti
Guardava negli occhi pochissimo e quasi solo la mamma
Poi dai due anni e mezzo circa ha iniziato a guardare di più e ad essere più curiosa (es. aprire cassetti ascoltare discorsi ecc..)
Prima si girava di rado se chiamata
Ora quasi sempre

Modi di comunicare e richiamare l'attenzione nei primi mesi
Pianti urla o versi e ci portava con la mano dove voleva.

Successivamente:
indicazione con indice e versi sillabe con varie espressioni volto

facilità a capirlo e interagire difficoltà notevoli specie nei primi due anni
interazione era quasi solo fisica con abbracci e baci

facilità al pianto e facilità a consolarlo, coccolarlo
pianti anche inconsolabili spesso per disturbi fisici e più di rado per capricci
le piacciono le coccole da sempre ma solo da genitori e nonni
più di recente le accetta volentieri anche da amici di famiglia da maestre e a volte ricambia con abbracci o bacini
le fa anche lei con abbracci e bacini soprattutto genitori e nonni
reazione di fronte a persone e ambienti nuovi (diffidenza, paura, pianto...) iniziale diffidenza ora diminuita
abbandonato passeggino a tre anni
ha manifestato timore a camminare da sola per strade nuove tendeva a farsi prendere in braccio
dopo quarantena inaspettatamente più sicura x strada cammina da sola per mano e non prova quasi più a farsi prendere in braccio

modalità di accudimento: piuttosto apprensivo, più sereno da quando sta meglio con problemi gastrici

FIGURE PRINCIPALI cui è attaccato genitori e una nonna
bambino è abituato a vedere altri adulti, parenti, amici? Nonni spesso
amici di rado
REAZIONI AL DISTACCO dai genitori prima pianti per distacco da mamma poi crescendo più tristezza quando esce papà lo cerca a volta andando dietro porta di casa
INTERESSE E CURIOSITÀ VERSO LE PERSONE
Dopo i due anni e mezzo prima chiusa e diffidente verso persone nuove
Interessi verso i bambini aumentato con scuola materna
Attualmente al mare e ai giardini si avvicina ai bimbi, fa gridolini, prova ad accarezzarli ma poi non sa come fare per giocare insieme e si riavvicina a mamma o papà

CONDIVISIONE cerca di coinvolgere, condividere interessi, attività, stati d'animo? cerca l'attenzione delle altre persone, magari per farsi battere le mani, o dire bravo, ecc?
Le piace mettersi in mostra e farsi dire brava
Ad esempio per disegno o per avere fatto pipì da sola o versato bene il latte da sola ecc..
A volte mostra indicando disegno o lavoretto e poi guarda reazione della persona
Quando stanca o stufa cerca conforto con abbracci
Quando allegra ride molto gridolini fa balletti saltella e corre

- SVILUPPO SIMBOLICO - LINGUISTICO
LINGUAGGIO (età di inizio dei vari punti indicati):
solo versi e qualche tentativo di sillaba tipo ba per brava ma per mamma o au per acqua
Si esprime a gesti da circa un anno soprattutto indicando con indice
Talora annuisce per dire sì
A volte fa una specie di no /na per dire no oppure allontana la cosa o la persona con la mano
Fino a un anno fa quasi non faceva gesti- portava solo la persona dove voleva prendendola per mano

INTERESSE E CURIOSITÀ PER GLI OGGETTI
USO DEI GIOCHI e degli oggetti ( gioco funzionale ....imitativo .....rappresentativo ), descrivete come usa giochi e oggetti.
Gioco funzionale da circa un anno e mezzo
Incastri, torre con oggetti vari, pesca dei pesciolini, palla, ecc..
Prova a inventarsi usi nuovi come ad esempio cerchi da impilare diventano anche braccialetti o anelli
Ama molto i travasi
prima giocava molto poco. più che altro tirava oggetti a terra e poi li metteva in ordine e li metteva spesso anche in bocca
ora sfoglia anche libricini e ascolta per un po’ le favole guardando le figure (prima si stufava subito)

Gioco simbolico solo da pochi mesi tipo dare da mangiare all orsetto o cucinare per finta o giocare a travestirsi davanti allo specchio (prova a mettersi vestiti e accessori di mamma e poi si guarda ride e fa la smorfiosa)
Prima solo un po’ nascondino

DISEGNO SPONTANEO
iniziato a disegnare da pochi mesi durante quarantena prima non le interessava
Fa per lo più scarabocchi e prova a fare cerchi
Se aiutata inizia a colorare negli spazi

ATTENZIONE nelle varie attività e interessi: tendenzialmente breve ma se le piace anche lunga
Allungati tempi di attenzione dopo tre quattro mesi di psicomotricità

COMPRENSIONE DELLE COSE E DELLE RICHIESTE buona
A casa ultimamente le piace fare faccende domestiche tipo apparecchiare mettere a posto stendere con le mollette ecc… ed esegue questi piccoli compiti

COMUNICAZIONE DEI SUOI BISOGNI E DESIDERI con gesti , indica quello che vuole prendere o più raramente quello che vuole farti vedere

UMORE tendenzialmente allegro e affettuoso carattere testardo
spesso era incupita e nervosa per fastidi fisici e dolori con crisi di pianto a volte inconsolabili (vedi ultima parte questionario)
Da 5 – 6 mesi Trovata cura appare più serena e solare

- COMPORTAMENTO

adesione a regole, orari, limiti poca routine causa orari lavoro genitori, da sempre abituata ad una certa flessibilità ad esempio per pasti principali e per giochi insieme – orari abbastanza fissi solo per sveglia pisolino e nanna

obbedienza agli adulti in generale abbastanza obbediente ( più alla mamma meno al papà e nonni)
reazione a divieti, frustrazioni ultimi mesi meno capricci e meno urla sembra accettare di più i no e le spiegazioni

bizze e fisse
sin da piccola saltelli e sfarfallio in caso di emozione e felicità
ultimi mesi meno perchè cerca di fare versi di gioia e gridolini
tendenza a mettere oggetti in bocca specie se nuovi sviluppata dai due anni e mezzo circa
negli ultimi 6 mesi molto diminuita, esplora più con le mani

- SCOLARIZZAZIONE
No asilo nido

-frequentato piccolo baby parking dai 34 mesi per 6 mesi circa soltanto due ore al giorno per iniziare a socializzare
Inserimento con mamma pochi problemi però finito inserimento non interagiva quasi con altri bimbi e stava per lo più con maestre

-Scuola materna quest’anno da ottobre a febbraio (poi coronavirus) inserimento due settimane con mamma o papà
Dicono piuttosto ben inserita
le piace andare per strada contenta
ha insegnante sostegno che però la lascia anche piuttosto libera con altri e con maestra
Però difficoltà nel seguire a lungo attività tranne quelle motorie che predilige
Talvolta ha bisogno di staccare con passeggiate o giochi da sola
Ha iniziato ad interagire specie con due bambine più grandi protettive con lei

RAPPORTI SOCIALI, occasioni di incontri con altri, parenti, amicizie, ambiente extrafamiliare ........ ...
- SITUAZIONE AMBIENTALE E FAMILIARE
Accudimento genitori prevalentemente grazie a orari flessibili e in mancanza nonni
Frequentazione bambini prima del baby parking quasi mai solo al parco ma li ignorava quasi
Frequentazione adulti timidezza iniziale
modalità educative più severa mamma e con lei meno capricci
Più permissivi papà e nonni e con loro più capricci

- EVENTI PARTICOLARI
problemi di salute non gravi ma frequenti con reazioni al dolore esagerate (pianti inconsolabili) in particolare
Coliche gassose frequenti sino a un anno fa
Diversi episodi di afte in bocca
Reflusso gastrico da sempre ma diagnosticate cause e curato bene solo da circa 6 mesi, trovata cura e eliminati alcuni alimenti con netto miglioramento e maggiore serenità
Cinetosi dall’età di 18 mesi con sudori freddi e vomito e conseguente forte avversione per automobile
Miglioramento solo con antistaminico quindi limitato uso automobile a casi necessari

Eventuali esami fatti e referti
Soltanto Esami radiologici e esami sangue x reflusso (no allergie né mal formazioni, soltanto svuotamento gastrico molto lento)
Visita audiologica e da foniatra esclusi problemi udito o problemi funzionali al palato

Commenti

Dalla lettura sembrerebbe come se la bambina si fosse 'svegliata' solo verso i due anni e mezzo e da lì avesse cominciato lo sviluppo che normalmente comincia verso la seconda metà del primo anno di vita. Forse nel primo anno e mezzo ha avuto un rapporto quasi esclusivo con la madre e in qualche modo anche motoriamente ha avuto un certo ritardo, per cui è partita ad esplorare il suo ambiente solo a quell'epoca.
Ma a quel che descrive da un anno o poco più a questa parte lo sviluppo è ripreso e sembra procedere in modo abbastanza regolare, anche se in ritardo, e la bimba sta percorrendo più o meno le fasi normali di evoluzione, con interesse e curiosità verso cose e persone e ricerca di contatto e manifestazione di normali emozioni e sentimenti e progressivo aumento della comunicazione e della relazione con gli altri.
Quali siano state le cause che hanno all'inizio bloccato o frenato lo sviluppo è difficile da dire, così quali i fattori che l'hanno risvegliata e stimolata. Importante mi sembra che lo sviluppo prosegua e che l'ambiente lo favorisca senza fare pressioni eccessive e lasciandole i suoi tempi, senza fretta e con pazienza. Forse vedere dei video sia del passato che attuali potrebbe aiutare a capire meglio.

_________________________

AVVISO IMPORTANTE: i consulti on/line hanno solo valore di consigli e non intendono sostituire in alcun modo la visita medica o psicologica diretta.