Crea sito

Dubbi su mio figlio di 21 mesi

CONSULTI PER BAMBINI ADOLESCENTI E FAMIGLIE

Gentile dottor Benedetti, sono la mamma di un bimbo di 21 mesi che ci sta destando non poche preoccupazioni . Risponderò alle domande del Suo questionario in attesa di una sua gentile risposta.
La ringrazio anticipatamente .

La nostra famiglia, italiana, è composta da 3 persone : la Sottoscritta di anni 37, mio marito di anni 40 e nostro figlio di 21 mesi .
La mia gravidanza si è svolta regolarmente fino alla 33° settimana, quando ho cominciato ad avere minacce di parto pre-termine, trattata in ospedale con Tractocile e Magnesio in flebo per 72 ore .
Alla 36,4°settimana (il 27/07/2017) però ho avuto una rottura improvvisa del sacco amniotico con conseguente taglio cesareo dopo 12 ore per mancato impegno della testa e per 1 giro di cordone intorno al collo del feto .
Il neonato alla nascita pesava 2.650Kg, con una lunghezza di 44,5cm, ed una circonferenza cranica di 33cm con indice Apgar di 8 al 1° minuto e 9 al 5° minuto .
Sono stata dimessa dopo 3 giorni di regolare degenza con il neonato che in uscita pesava 2.420Kg e con una diagnosi di prematurità senza alcun Follow-up avviato.
L’allattamento è stato subito misto in quanto il bambino aveva una curva di accrescimento non sufficiente, cercando di rispettare gli orari, si svegliava ogni ora la notte, fino al 4° mese quando è diventato esclusivamente artificiale, con un ritmo sonno-veglia più regolare, senza alcun problema di distacco dal seno da parte del bambino .
Al 5° mese ho cominciato lo svezzamento che è avvenuto in maniera regolare e graduale senza alcuna difficoltà .
In questi primi mesi di vita la figura di riferimento è sempre stata la mia, in quanto tutt’ora disoccupata, l’accudimento del bambino è stato esclusivamente il mio fino al 14° mese, epoca in cui è stato inserito al nido .
Sin dai primi mesi si è addormentato con il rumore bianco del aspirapolvere ma riposto sempre nel suo lettino una volta addormentato ma sempre con almeno 3 ciucci a disposizione durante la notte .
Durante il giorno lo attiravano molto i video di canzoncine classiche che facevo vedere al tablet cercando di non superare mai l’ora di tempo consecutiva, prevalentemente nel passeggino o nel dondolo fino a 7 mesi, epoca in cui è stato un po’ nel box e sul tappeto visto che verso gli 8 mesi riusciva a stare seduto da solo. Non ha mai gattonato, non si rotolava, non strisciava, era abbastanza statico come bambino, ma questo non ci ha mai preoccupato . Dai 10 ai 12 mesi ha fatto uso del girello. Camminava solo con la manina dai 13/14 mesi, ha cominciato a camminare autonomamente a 18 mesi ma molto sforzato da me e in malo modo. Non aveva lo schema motorio della caduta e per questo quando cadeva lo faceva all'indietro in maniera rigida e rovinosa, al che il pediatra insospettito di questa sua insicurezza nel camminare mi ha demandato ad un neuropsichiatra, il quale ci ha parlato di una lieve ipotonia del bambino, fino a quel momento sconosciuta a noi, e ci ha parlato di ritardo psico-motorio con necessita innanzitutto di FKT e poi di un ricovero in reparto per “vedervi meglio” .
La motivazione del ricovero ci è sembrata inadeguata, pertanto abbiamo solo avviato un ciclo di FKT che sta attualmente eseguendo con buoni risultati, in quanto la fisioterapista si sta impegnando a far recuperare al bambino tutti gli schemi motori persi precedenti al cammino .
Attualmente il bambino esplora l’ambiente e raggiunge oggetti ludici che catturano il suo interesse,cammina molto meglio, l’attenzione visivo-percettiva è valida, ottimo il contatto di sguardo con il referente del momento, lalla, e varia la posizione di sguardo per comunicare . Non dice parole di senso compiuto tipo mamma o papà, ma solo PA-PA-PA, MAMM...
Non ha alcun problema a relazionarsi con gli adulti, anche estranee, si gira quando lo chiami 9 volte su 10. Presenta sincinesie delle mani e dei piedi . Quando guarda i video musicali in TV e sta seduto muove il busto avanti e dietro, o batte le mani sulle ginocchia, o sfarfalla con le braccia .
Lo attraggono prevalentemente giochi sonori e luminosi dove lui puo schiacciare i tasti, anche se il primo approccio è sempre diffidente. Adora il cavallino a dondolo . Apre e chiude porte e cassetti ma non con fissazione. Con i giochi in legno, o con le costruzioni, li mette in bocca e poi li lancia. Solitamente se un gioco gli piace molto ci gioca anche per 15 minuti .Non sa infilare i cerchi, ne le formine. Gli piace il gioco del cucu. Sa battere le manine ma non lo fa a comando .Da poco imita alcuni versi che faccio con la bocca o il gesto di odorare i piedi e dire “che puzza”!!, lui porta il piede al naso e poi mi guarda e ride! Adora la nostra gatta siamese di nome Chloè, ogni qualvolta la vede gli va dietro e si fa delle grasse risate se la vede correre per casa e lui non riesce a prenderla! Se gli si chiede : Dov’è Chloè?, Oppure dov’è mamma o papà? Lui si rivolge con esattezza alla persona o al gatto in quel momento richiesta . Al momento non indica, richiede le cose piangendo o le prende autonomamente quando può, come ad esempio l’acqua mente mangia .Lo imbocco io, ma sa tenere il cucciaino in mano .Usa il No, ma sollo con la testa .
E’ un bambino molto sorridente , socievole e sempre di buon umore, affettuosissimo . L’inserimento al nido è stato nella norma (15 giorni) e oltre alle figure genitoriali, la domenica vede i nonni e gli zii di tanto in tanto .
Frequentando il nido ha degli orari ben stabiliti ai quali risponde serenamente : alle 8.30 sveglia, dalle 9.30 alle 13 è al nido, dalle 14.30 alle 17 riposa, alle 19.45 cena e alle 22.30 lo culliamo (non più con il rumore bianco) per farlo addormentare intorno alle 23 dove viene messo nella sua culla e dorme serenamente fimo alla mattina successiva . Il pomeriggio in casa ci sono solo io e quando è bel tempo lo porto a spasso, ma essendosi ammalato molto spesso quest’inverno siamo stati spesso in casa soli, io e lui .
Il tempo davanti alla TV è sempre limitato, non più di un ‘ora consecutiva . Gli piace fare le foto con il cellulare, ma anche quello cerchiamo di limitare .
Spero di essere stata esaustiva nelle risposte. Quello che volevo sapere da Lei è come le sembra la situazione di mio figlio. Secondo lei c’è questo ritardo psico-motorio? Di quanti mesi? Si può recuperare? O secondo lei c’è una patologia alla base? Insomma m’illumini… sono preoccupata .

Commenti

No, non penso che ci sia nessuna patologia. Il lieve ritardo motorio che ha avuto dipende forse dall'aver fatto poco movimento attivo e autonomo nel primo anno. Probabilmente anche per un'eccessiva "protezione" da parte vostra. Per questo era 'ipotonico', termine che in sè non vuol dir niente: quando i muscoli non sono attivi sono 'ipotonici', ovviamente. Se hanno poco forza è un altra questione, ma non mi sembra questo il caso.
Per il resto mi sembra nella norma, a 21 mesi. Non fatevi medicalizzare troppo. Se la vita e le esperienze che fa con voi, vedendo anche diverse persone e ambienti, sono varie e stimolanti non dovrebbe aver bisogno di nessun intervento.

Mi rincuora molto la sua risposta positiva dottore. Ci avevano parlato di un ritardo psico-motorio di almeno 6 mesi! Può darmi qualche consiglio sulla gestione quotidiana e familiare del bambino? Como posso stimolare il linguaggio? È quando parla si esperienze varie e stimolanti a cosa si riferisce?L'inserimento al nido crede che non sia sufficiente?
La ringrazio infinitamente

Vi consiglierei di leggere il libro indicato nella colonna qui a destra, sul bambino fino a tre anni, di una educatrice montessoriana.
Certo nelle tappe motorie ufficiali i primi passi avvengono verso i dodici mesi, ma c'è un ampia variabilità della norma, fra i dieci e i diciotto mesi. Stessa cosa per il linguaggio, con margini di normalità anche più ampi.
Esperienze diverse e stimolanti significa conoscere più persone e più ambienti, sempre insieme a persone familiari, lasciando che il bambino abbia iniziative e sperimenti da sè, seguendolo ovviamente ma senza interferire con le sue iniziative se non per motivi di sicurezza o di limiti sociali, se possibile .

Grazie per i suggerimenti, cercheremo di farne tesoro .
Vorrei aggiungere un'altra cosa. Stamattina abbiamo effettuato la visita di controllo presso la neuropsichiatra del centro riabilitativo dove il bambino sta facendo FKT . Ha cominciato il 19/04 ed ha eseguito 20 sedute (2 volte a settimana) . Dopo la visita la dottoressa ci ha detto che il "bambino è ancora ipotonico" che necessita di ulteriori 20 sedute di FTK al termine delle quali valuterà un ricovero per ulteriori approfondimenti diagnostici quali EEG, RMN ed esami genetici. La cosa mi ha molto spaventata è gettata nello sconforto. Il bambino non indica, imita pochissimo solo alcune cose e non sempre, non parla ma è fermo alla lallazione . Presenta ancora sincinesie delle mani e dei piedi . La cosa che predilige giochi sonori e luminosi può essere indice di qualcosa?Dottore, vorrei sapere il suo parere alla luce di queste nuove considerazioni . Grazie

Mi mandi qualche filmato del bambino insieme a voi, come indicato nelle istruzioni qui accanto, colonna a sinistra.

Il filmato che mi avete mandato non è sufficiente. Fatene qualcuno mentre sta giocando con qualche oggetto in compagnia di uno di voi mentre l'altro filma. 4 o 5 video di almeno 40 - 60 secondi ciascuno. Quando vedete che fa qualcosa cercate di filmarlo. Magari anche ai giardini, al parco giochi.

Nei due altri brevi filmati si vede il bimbo seduto sul tappeto che risponde bene alle stimolazioni del padre, ma usando solo gli arti superiori, senza cambiare posizione o usare le gambe. Vorrei vederlo mentre cammina o fa qualche gioco più attivo, per vedere come si muove, come usa le gambe, più che altro.

Gentile dottore, le ho mandato un altro video come dal Lei richiesto. Le ricordo che il bambino ora ha 24 mesi appena compiuti è da una recente visita NPI mi hanno detto che il bambino ha recuperato il ritardo motorio, ma è ancora indietro sul linguaggio ( è fermo alla lallazione e raramente dice mamma o papà ) Che ne pensa?
La ringrazio infinitamente

Gentile dottore, qualche giorno fa le ho mandato un'altro video dove si vede mio figlio caminare, ma non ho ricevuto alcun riscontro da parte sua, ci sono dei problemi per la visualizzazione del video?
Grazie

Mi era sfuggito. In effetti non lo vedo molto bene, ma mi sembra che il bambino ora si è staccato e cammina da sè. Che non sappia ancora calciare il pallone non è strano. Da come la vedo direi che succederà lo stesso per il linguaggio. Lasciatela crescere con i suoi tempi. Come per il pallone, lasciate che sia lei ad avere iniziative. Lo farà quando si sentirà pronta. Inutile e frustrante sia per voi vhe per lei 'stimolarla' prima

Grazie dottore! Mi sembrava strano, Lei è sempre molto. È love e gentile nelle risposte . Quindi, mi scusi se mi ripeto, secondo il suo giudizio non vi è alcun disturbo evolutivo misto? (Diagnosi fatta ad Aprile da una NPI) Oggi si parla tanto di autismo e io sono pienamente d'accordo con Lei su un'intervento immediato da parte del Ministero della Salute per frenare questo eccesso, ma non c'è solo l'autismo come "patologia" infantile, ma ad esempio questo disturbi dell'evoluzione come diagnosticato a mio figlio. Cosa ne pensa a riguardo? Possiamo stare pienamente tranquillo rispetto a nostro figlio è, come dice lei, lasciarlo libero di crescere liberamente? Le sedute di FKT o PMI secondo lei occorrono a mio figlio?
Mi scusi per L'inondazione di domande ma riponiamo piena fiducia in Lei
Grazie

Nel video sulla spiaggia il bimbo cammina forse ancora un po' incerto, poi si mette a piangere mentre voi lo riprendete. Forse si sente un po' troppo sotto osservazione, e questo può disturbarlo. Cercate di lasciarlo crescere senza tutto questo stress. Ha bisogno penso di tranquillità e sicurezza. Se possibile gli farei fare anche qualche 'vacanza' dal nido, che penso sia parte dello stress. E anche dalle 'terapie'. Penso sia stato troppo medicalizzato. Meglio vedere come cresce da sè, lasciato tranquillo da tutto. Non ci sono segni di patologia, per cui nemmeno indicazioni a cosiddette terapie. La diagnosi fatta è solo una casella burocratica che i medici devono riempire. Non sono usate 'diagnosi di attesa' e nessuno si fida a scrivere 'assenza di patologia', non si sa mai...

Grazie dottore! Mi ha fatto davvero un bel regalo di compleanno (oggi compio 37 anni) :) Purtroppo a settembre sono costretta a portarlo al nido perché riprendo a lavorare dopo un' assenza durata quasi 3 anni (tra gravidanza e 2 anni compiuti del bambino) ma cercherò di lasciarlo lì l'indispensabile (dalle 8.30 alle 12.30) Per quanto riguarda le cosiddette terapie le sospenderò come mi ha consigliato lei così come le visite periodiche dalla NPI. Mi rassicura molto avere un Suo riscontro, quindi l'aggiornerò spesso ;) Dottore, davvero grazie, Lei ha salvato una famiglia che si è solo affacciata in quel famoso tunnel ed è stato bruttissimo...ma ora, grazie a lei siamo tornati ad essere una famiglia serena...

Buonasera dottore, Le scrivo per aggiornarla sull'andamento di mio figlio. L'ho inserito al nido e con molto stupore anche da parte delle maestre il bambino si è ambientato sin dal primo istante legando particolarmente con un educatrice ma mai versato una lacrima . Mi raccontano che il bambino è sereno durante tutto l'arco della giornata, svolge le attività che gli vengono proposte anche se lui tende ad essere spettatore anziché protagonista. Mangia alla mensa volentieri qualsiasi menù è quando lo vado a riprendere lo trovò sempre sorridente ed euforico anche al rientro a casa. La cosa che abbiamo notato sia io che mio marito è che ora mugugna spesso, come se si sforzasse a parlare ma senza riuscirci. Il linguaggio è fermo al "mamma e papà" anche se secondo me lo dice come lallazione .
Per le educatrici è un bambino normalissimo, io però continuò a vederlo indietro rispetto agli altri. A 25 mesi è normale che ancora non riesca ad alzarsi da terra da solo? Pensa ancora che il nido possa essere parte dello stress? Abbiamo sospeso FKT e visite varie..
La ringrazio anticipatamente per la gentile risposta

E' da vedere se 'non riesce' o 'non vuole'. Direi che è utile fare questa 'vacanza' dagli interventi medici per vedere come il bimbo va da sè. Spero che non passi troppo tempo al nido, in questa fase ancora molto delicata del suo sviluppo. Provate eventualmente a prendere permessi, aspettative, ecc, se possibile. Comunque vediamo per alcuni mesi come il bimbo va avanti.

Detto...fatto!! Si è alzato !! Ma volevo chiederle, è vero che i bambini sviluppano una competenza per volta? Nel senso, imparano prima a camminare, poi a parlare, etc..Il linguaggio è ancora assente, ma secondo lei è ancora indietro rispetto allo sviluppo globale?
Grazie molte

Bene, si vede anche nel video. Le consiglierei di lasciar perdere le teorie e di godersi il bambino senza stress inutili. Legga se vuole il testo 'non avere fretta', nella colonna qui a destra e anche, se non gliel'ho già consigliato, il libro sui bambini fino a tre anni.

Nei video si vede un bambino sorridente, in contatto, contento. Mandatemi qualche video in cui si veda giocare con qualcosa. Cercate di non lasciarlo troppo alla tv...

In quest'altro sta alla lavagna parlante e cerca di scrivere e poi cancella. Meglio lavagne semplici e che a parlare siano le persone... Comunque questi son i tempi, e comunque non vedo niente di patologico.. Giocare con qualcosa intendevo con del materiale piccolo tipo costruzioni,macchinine, trenino, personaggi, ecc, su sua iniziativa, senza 'istruzioni'...

Dottore, è proprio questo il punto..è difficile che il bambino si avvicini ai suoi giochi spontaneamente...cerca sempre la mano di un adulto per andare dove lui vuole e a volte vuole che L'adulto faccia le cose al posto suo... è ossessionato da telefonini e tablet...miomaritoè un agente di commercio e questi oggetti fanno parte dell'arredamento e lui li vede spesso usare...la TV è accesa normalmente, considerando che io sono spesso sola fa compagnia anche a me, ma ora si è ridotta al solo pomeriggio frequentando il nido la mattina. Con gli oggetti piccoli non fa granché...li osserva...li gira e poi li butta a terra...apre e chiude porte e cassetti, accende e spegne le luci...e se non lo accontentiamo nelle sue richieste su da gli schiaffi in testa e piange...forse il bambino è poco seguito perché il pomeriggio ne approfitto per rassettare casa e/o uscire per sbrigare delle commissioni...mi sento tanto in colpa...io e mio marito vorremmo un altro figlio ma leggi che spesso l'arrivo di un fratellino/sorellina rappresenta un trauma per i bambini...dottore, pensa che il ritardo psicomotorio di mio figlio dipenda da noi? Siamo in totale agitazione...il bambino continua a non parlare...oggi compie 27 mesi...

In questo video si vede il bimbo giocare con un telefonino, per conto suo. TropPo poco. Bisogna vedere di più. Se volete possiamo vederci e parlare via Skype o whatsapp, in modo da vedere meglio il bambino e parlarne.

Dottore, purtroppo non sono pratica di Skype..lo è mio marito, ma non sa che sono iscritta a questo portale perché la cosa lo metterebbe molto in ansia..la prego, continui a scrivermi le sue impressioni...

Guardi che i segreti e i sotterfugi di solito non fanno bene. Meglio parlarne apertamente, direi.

Non ho nessun segreto con mio marito...è solo una forma di tutela nei suoi confronti visto che ultimamente è molto preoccupato per il bambino è ha avuto qualche episodio di attacchivdi panico...comunque se non intende "aiutarmi" ancora pubblicamente fa lo stesso...non ho Skype e quindi non posso venire incontro alla sua richiesta

Forse sarebbe meglio anche per suo marito parlarne con qualcuno, come fa Lei qui. Skype è un semplice programma da scaricare da internet, senza nessun difficoltà. Si può usare anche whatsapp. Se vuole far partecipe suo marito posso cancellare queste ultimi post in cui ne parliamo.

Sicuramente Dottore Lei ha ragione...il bambino è seguito già da una NPI della mia città la quale ci rassicura molto, come Lei d'altronde...mi sono riletta tutte le sue risposte ed in tutte ha parole confortanti...ora però non capisco perché all'ultimo post non vuole rispondermi...leggo spesso che in altri vasi risponde con dei post molto lunghi e in maniera chiara e dettagliata...anche quando pensa che i video inviati sono scarsi, ne richiede altri per avere il quadro più completo...cos'è che la spinge a voler fare una video-chiamata con me? L'ultimo post le ha fatto sorgere qualche dubbio??

Più che dubbi ho l'impressione di capirci poco solo con le sue descrizioni e i brevi filmati. Con una videochiamata di 45 minuti si possono vedere e capire molte più cose, forse. Se mi vengono idee dal materiale inviato posso rispondere anche dilungandomi, se non mi vengono idee, no.

Gentile Dottore, mi meraviglia la sua risposta...ci scriviamo da circa sei mesi, e come ho detto prima, non ho mai percepito questa confusione che descrive oggi...anzi, ci ha sempre detto di non vedere alcuna patologia e di goderci la crescita di nostro figlio liberi da qualsiasi pregiudizio...nell'ultimo post infondo le ponevo solo 2 domande...comunque ho parlato con mio marito e valuteremo la sua proposta

Il suo post del 27/10 ore 18:22 mi sembra che esprima molte preoccupazioni, parla di 'totale agitazione' (vostra). Mi sembra di non avere elementi sufficienti a rispondere. Forse tanti brevi video a distanza l'uno dall'altro in realtà non sono utili. Meglio vederne diversi in una volta. E poi magari dopo qualche mese un aggiornamento per vedere lo sviluppo.

Gentile Dottore, ieri siamo stati in visita dalla neuropsichiatra della nostra ASL, la quale non ha riscontrato nessun tipo di problema in nostro figlio. A sua detto è ancora troppo piccolo ( 2 anni e 4 mesi ) per parlare di ritardo del linguaggio e per le varie terapie di logopedia e quant'altro utili dopo i 36 mesi.
Ha riscontrato solo un "disturbo dell'eloquio espressivo" sostanzialmente dovuto alla nostra "presenza eccessiva", al fatto di "capirlo al volo" senza creare il lui la necessità di esprimesi. È proprio per evitare si senta continuamente osservato da noi, mi ha consigliato l'inserimento al nido anche qualche pomeriggio a settimana. Ci ha consigliato anche di dare un fratellino/sorellina a nostro figlio proprio per allentare la pressione sul bambino è favorire il suo normale sviluppo. Lei però, se rilegge i nostri post, addirittura mi aveva consigliato di ridurre al minimo la permanenza al nido. Perché pensa che il nido possa essere controproducente per il nostro bambino? È poi anche Lei pensa che l'arrivo di un altro figlio possa essere "d'aiuto" un po' a tutti, o come spesso leggo può essere fonte di ulteriore disagio?
La ringrazio anticipatamente per la risposta

Bene, almeno avete avuto una valutazione, che mi sembra condivisibile. Mi rincuoro che non tutti i npi vedono autistici ovunque...
Quanto alle domande, èdifficile dire, ogni caso è se stante. Un fratellino è un bel cambiamento e dà un po' di stress, però è vero che essere in due a sopportare i genitori è meglio che essere da soli, a ogni età...
Anche il nido è uno stress e se si può bisogna valutare caso per caso. Comunque allenarsi a sopportare lo stress serve per imparare a vivere a questo mondo. Ma, come ogni peso, deve essere proporzionato alle forze di chi lo sopporta.

Carissimo Dottore, buonasera, torno a scriverLe dopo 4 mesi in questo periodo particolarmente difficile per tutti perché ho bisogno di una Sua dose di tranquillità !
In questi mesi mio figlio ha fatto vari progressi...se si ricorda c'era la preoccupazione per il linguaggio non ancora sbocciato, invece con mio stupore un bel giorno l'ho sentito "canticchiare" "AUI A TEE" (tanti auguri a te) ! Da lì una serie di paroline : acqua, pappa, mamma, papà, cacca(quando realmente la fa) alcuni versi degli animali...abbiamo notato che indica ed imita molto più di prima, ma di contro ha sviluppato un senso di opposizione molto forte. Non possiamo neanche alzare un po' la voce che lui si irrigidisce e urla...se non ottiene ciò che vuole si getta in terra e piange disperato...a volte si da gli schiaffi in testa o si morde le mani...continua ad avere quelle stereotipie che ci avevano fatto preoccupare all'epoca, tipo da seduto fare avanti e indietro con il busto e sfarfallare le mani. In questo periodo le maestre ci mostrano via web dei lavoretti da fare ma lui non sembra interessato. A Natale gli è stato regalato un Tablet della Chicco con varie app e giochi semplici da fare in base alle abilità e lui gioca molto con quello...lo vedo più nervoso, ripeto, forse anche la "reclusione" non lo aiuta...cosa ne pensa? Sono comportamenti normali per la sua età?
Grazie mille Dottore

Mi sembrano ottime notizie. Il bambino sta partendo con il linguaggio, e ovviamente vorrebbe sempre fare come vuole lui, ma ovviamente è impossibile e accettarlo non è facile.
Invece che chiedersi se sono comportamenti 'normali', è molto meglio domandarsi e cercare di capire cosa significano, cosa esprimono. Ogni comportamento è espressione di quello che passa per la mente in quel momento e delle esperienze, delle abitudini, ecc. Più si cerca di capire un bambino, come persona!, e più si facilita il rapporto con lui e il suo stesso sviluppo. A ostacolarlo sono più che altro le nostre ansie e le nostre paure, e anche le nostra intenzioni di aiutarlo, non richieste. Se riusciamo a trattenerle lasceremo la sua strada più libera. Buon proseguimento!

Grazie Dottore, come sempre per noi è prezioso...soprattutto in questo particolare periodo! Le stereotipie, come spesso scrive, non hanno alcun significato...ma per noi genitori vedere nostro figlio h24 accendere e spegnere gli interruttori...aprire e chiudere le porte...fare avanti e indietro con il busto frarfallando le mani e mugugnando non è affatto facile!! Un'altra domanda : notiMi che il bambino usa sempre il dito medio al posto dell'indice sia per indicare, per premere o per afferrare...dobbiamo correggere quest'atteggiamento?
Grazie

"Correggere" si fa per gli "errori"... I bambini piccoli non sono da correggere... Si deve lasciarli liberi di esprimersi, stanno imparando. Impareranno con l'esperienza , non con le correzioni. Rischia di crearsi uno scontro che poi gli adulti giudicano "oppositività". Bisogna guardare contro cosa si oppone il bambino. L'idea di 'correggere' il dito con cui indica mi fa pensare che da parte vostra c'è un eccesso di attenzione al come fa qualcosa, rispetto a quello che fa e al suo significato. Torna a proposito l'adagio che uno guarda il dito e non vede l'albero che viene indicato. Cercate di fare il contrario, cioè di guardare quello che lui indica, e non il suo dito!

_________________________

AVVISO IMPORTANTE: i consulti on/line hanno solo valore di consigli e non intendono sostituire in alcun modo la visita medica o psicologica diretta.