Pseudo-autismo: esposizione eccessiva alla TV e altri schermi.

CONSULTI PER BAMBINI ADOLESCENTI E FAMIGLIE

... a noi hanno consigliato di spegnere i televisori, telefoni e tablet al 100% perchè tanta probabilità di pseudo autismo ossia l'autismo falso per colpa degli apparecchi. In 2 mesi già mangia e beve da solo, si gira al nome, mostra le cose con il dito ecc..

Beh, visto che siamo in uno spazio pubblico, forse potrebbe dire qualcosa di questo "pseudo-autismo" anche agli altri lettori interessati: il discorso può essere interessante e vicino a quanto stiamo dicendo da tempo, su sintomi di difficoltà evolutiva da cause diverse che invece vengono sempre attribuiti allo 'spettro autistico', ciè a una causa genetica e per definizione incurabile. Dove ha preso i termini "pseudo autismo ossia l'autismo falso per colpa degli apparecchi"?
Felicitazioni comunque per l'evoluzione positiva del vostro bimbo, dopo che forse è cambiato qualcosa in casa vostra, grazie allo spegnimento di TV e company.
Sull'abuso di smartphone e dispositivi c'è un'interessante articolo di giornale che rimanda a un'altro in francese , che titola: "Allarme schermo per bambini-
I bambini piccoli hanno sintomi evocativi della sindrome autistica, attribuiti alla sovraesposizione loro e dei loro genitori". Magari ci torneremo.
Ecco l'appello dei medici francesi

adointer :
Siccome siamo bosniaci, però viviamo in Italia, ci siamo rivolti in Croazia dal neuropsichiatra e la prima cosa che ci ha chiesto era: quanto tempo passa davanti alla Tv ? -
-6 ore !
Ma siete normali ?

Il mio figlio è un'altra persona da ottobre ad adesso.

Di più potete leggere su questi siti che vi metto, traduceteli però con il traduttore, il termine da noi si chiama Ekranitis.

https://www.google.com/amp/s/www.kurir.rs/amp/3291249/ekranitis-nova-bol... (vedi traduzione)

https://www.google.com/amp/s/pitajtedefektologa.com/2019/05/11/problem-n... ( tradotto nel commento seguente)

Dopo 2 mesi di tv spenta ha cominciato a pronunciare i numeri nella nostra lingua, numeri in italiano, lettere, animali, colori senza che glieli insegnassimo noi, ha imparato tutto guardando Il trenino Bob ogni giorno. Ieri cantava la canzoncina del trenino Bob e non lo guarda da ottobre.

Mistreci 75
Lo trovato molto interessante, tradotto con google
da https://pitajtedefektologa.com/2019/05/11/problem-novog-doba-ekranitis-n...

Chiedi a un defettologo
Il problema della nuova era: la screenite, un nome che non è uno scherzo
Marija Koncar Marija Koncar
2 anni fa

L'ecranite è una nuova malattia dei tempi moderni. Il nome screenitis non è stato introdotto nella diagnosi, è ancora usato come forma lirica. Quello che dobbiamo capire è parlare il più possibile di questo argomento e attivare tutti gli allarmi.

L'ekranitis è un argomento di cui potrei parlare e di cui scrivere per alcuni giorni, ma cercherò di inviare un messaggio ai miei genitori nel modo più conciso possibile e di raggiungerli.

Negli ultimi due anni ho avuto bambini con disabilità dello sviluppo, che in varie combinazioni hanno un problema di interazione sociale, disturbo da deficit di attenzione, azioni stereotipate, non parlano e rispondono a qualsiasi richiesta sotto forma di rabbia, lancio, dolore o autolesionismo. Quando qualcuno elenca tutti questi "sintomi", pensiamo immediatamente che siano disturbi dello spettro autistico. Tuttavia, dopo aver conversato con i genitori, preso i dati anamnestici e fatto un'osservazione del bambino, mi rendo conto che è qualcos'altro. All'inizio, i genitori non diranno sempre onestamente che il bambino ha passato del tempo davanti allo schermo per più di 2 ore, lo capisco perfettamente, perché per loro è anche la consapevolezza del fallimento. D'altra parte, hai genitori che non sono informati sull'influenza e sulla nocività dello schermo sullo sviluppo del bambino.

Dobbiamo sapere che la televisione impedisce ai bambini di mantenere l'attenzione in un momento in cui durante lo sviluppo iniziano a organizzare le loro capacità di attenzione e comportamento, un periodo di stimolazione.

Dopo l'esposizione all'iperstimolazione, offerta dalla televisione, canali destinati a neonati e bambini, il mondo reale appare come una pallida fotografia per niente attraente.

Ho una formula che dico sempre ai miei genitori, e cioè: il tempo passato davanti alla televisione = il doppio del tempo trascorso nel gioco e nel lavoro attivi. Ciò significa che se un bambino trascorre 1 ora davanti allo schermo, deve trascorrere 2 ore in gioco attivo, se trascorre 4 ore davanti allo schermo, deve passare 8 ore in gioco, e raramente qualcuno oggi può farlo offrire ai bambini 8 ore di gioco. I genitori spesso vengono e dicono "Nostro figlio non mangerà senza un telefono o un tablet davanti". A questa affermazione, di solito chiedo loro se hanno mai lasciato che un bambino abbia fame per più di 3 ore, cosa che la maggior parte dei genitori guarda stranamente. I bambini quando hanno fame, come noi adulti, non hanno bisogno di stimoli aggiuntivi per mangiare. La fame è lo stimolo fondamentale per mangiare un bambino, senza miracoli tecnologici e magie. Soddisfiamo i bisogni dei nostri figli secondo le nostre convinzioni, non permettiamo loro di essere affamati, assetati o curiosi. Quando dico affamato e assetato, non intendo dire che non gli permetti di mangiare e bere tutto il giorno, ma nel momento ottimale del loro sviluppo. Non puoi dire a un bambino: "Hai sete?" Lo sei, lo sei. Ecco l'acqua, prendi l'acqua. Lascia che sia tua madre a guidarti. ”Non lasci spazio al bambino per chiedere, semplicemente per provare a modo suo di mostrarti qualcosa, chiedere o raggiungere qualcosa. I genitori devono smetterla di "coltivare" il tempo del detriarcato.

La tecnologia odierna insegna ai bambini ad aprire il contenuto immediatamente e ora toccando l'icona. Non c'è bisogno di aspettare e avere pazienza, e quindi non c'è possibilità di noia, perché i contenuti sono infiniti, e questo nega ancora una volta il corretto sviluppo, perché la noia è un motore di curiosità, curiosità, immaginazione e gioco, che è di un bambino strumento di base per conoscere il mondo, quel mondo.

Affinché un cambiamento avvenga in un bambino, i genitori devono cambiare se stessi.

Oggi è anche un problema, perché abbiamo bambini che sono iperprotetti e che quindi "non hanno fatto nulla", avevano obblighi in base alla loro età, non avevano determinate regole e confini e, a causa di uno stile di vita così passivo, non potevano svilupparsi in modo approssimativo e le capacità motorie fini., hai un problema a dirigere l'attenzione, quando hai scarse capacità motorie e la parola deve essere ritardata, una reazione di rabbia a qualsiasi rifiuto di soddisfare le esigenze degli USA E IMMEDIATAMENTE. Ci perdiamo in un vortice di autocompiacimento di soddisfare il bisogno di un bambino, a cui non manca nulla, passiamo in un periodo di detriarcato che, credetemi, si intensificherà con un numero crescente di bambini con difficoltà di sviluppo - se non cambiamo . Insegniamo ai bambini, li alleviamo e li istruiamo, li amiamo e ci prendiamo cura di loro. Quando un genitore pensa quanto ama suo figlio e dice che non lo lascerà soffrire e che farà tutto per lui ", un tale genitore non si cura di suo figlio. Non gli importa affatto. L'atteggiamento che i genitori devono costruire in se stessi è smettere di fare quante più cose possibili per il bambino, il prima possibile. Una frase che ho sentito da un medico che lascio alla fine per i genitori è "Se pensi di proteggere i bambini assumendoti tutto, sappi che non possiamo proteggere nessuno - possiamo solo RAFFORZARE i bambini".

Autore del testo:
Kosana Nikolic, educatrice speciale
Difettologo in un dipartimento speciale a Bijeljina, Bosnia
Autore della pagina Sa defektologom na ti

Condividi questo:
Relazionato
Guardare lo schermo danneggia lo sviluppo iniziale?
26 maggio 2019
In "adhd"
Sviluppo del discorso
8 marzo 2017
E "Sviluppo iniziale"
Nel mondo dei numeri e delle forme: concetti matematici iniziali
22 novembre 2020
In "incontrabook"
Categorie: adhd, Autismo, Sviluppo emotivo, Sviluppo precoce, Sviluppo del linguaggio, Sviluppo m

I vostri interventi sono molto interessanti: da noi si può chiamare "schermite" ( da 'schermo', del televisore o dei dispositivi), o 'sindrome degli schermi'
Un qualche allarme c'è anche da noi, però con poca convinzione forse, e più che altro mi sembra rivolta ad altri pericoli esterni, più che all'effetto del tempo-video sulle interazioni familiari e sullo sviluppo psichico. Anche sul questionario c'è una voce su tempo -video, cioè passato davanti a uno schermo. Pur notandolo, non l'avevo considerato con molta convinzione, forse.
I vostri interventi sono molto utili per richiamare medici ed 'esperti' a dare la giusta importanza anche a questo aspetto, come ad altri aspetti ambientali, invece che correre subito a fare diagnosi di malattia o difetto cerebrale del bambino, come è il significato della diagnosi di Spettro autistico. Anche perchè con poche e facili modifiche ambientali, di abitudini e di gestione, si possono spesso avere importanti risultati.

Il testo citato riguardo alla 'schermite', o sindrome dello schermo, mi sembra dica cose molto giuste, sugli effetti della TV e schermi vari sullo sviluppo dei bambini. In molte famiglie che vedo (mi mandano video fatti in casa), spesso c'e' la TV sempre accesa. Spesso per far mangiare i bambini gli danno da guardare video al telefonino, o per tenerli buoni in varie situazioni. Il tempo - schermo, spesso raggiunge varie ore, e le considerazioni riportate sono molto giuste. I bambini i si abituano ad un rapporto passivo ed estraniante con un dispositivo elettronico che imparano a far funzionare rapidamente. Invece le persone sono molto meno facili da imparare a gestire, a capire come 'funzionano' : il rischio e' che di fronte a troppe frustrazioni ci rinuncino, si rifugino appunto in qualche schermo e sviluppino uno pseudo-autismo che oggi non viene riconosciuto ma porta subito alla diagnosi di 'spettro autistico' con tutto quel che segue.

LA MALATTIA DELL'ETÀ MODERNA

Lo screening è simile all'autismo: un bambino sviluppa "mondi interiori" che sono indipendenti da chi vive.

Autore: B. P. Pubblicato il 09.03.2020. alle 21:29

Spesso vediamo bambini, e anche bambini piccoli, divertirsi guardando smartphone, tablet e altri schermi, e ciò a cui molti genitori non pensano è che il tempo trascorso davanti a loro può avere conseguenze importanti per la salute dei bambini.

Nella terminologia professionale, gli psicoterapeuti usano il nuovo termine "screenism", che significa gli effetti negativi dello schermo sul cervello, e gli psicologi applicano molto spesso la terapia del neurofeedback quando lavorano con i bambini.

I bambini che sono esposti agli schermi per troppo tempo iniziano a chiudersi, hanno problemi di comunicazione, parola, concentrazione e simili, e se le negatività causate dal passare troppo tempo davanti allo schermo non vengono riconosciute in tempo, può avere conseguenze molto più grandi.

Secondo la psicologa e psicoterapeuta Ankica Baković, si è scoperto che ci sono alcune difficoltà in ciò che il bambino "dà di sé".

- È principalmente la parola, e poi la concentrazione, la concentrazione, la prontezza o viceversa - il sogno ad occhi aperti. È stato dimostrato che ci sono alcune deviazioni dai bambini che non sono neurorischi alla nascita e nei primi anni di vita, fino al terzo, si osservano fallimenti. Oltre a tutte le diagnosi precedenti con cui abbiamo a che fare e alle diagnosi mirate dallo spettro del disturbo pervasivo dello sviluppo, un bambino del genere non appartiene a quel quadro clinico e comportamentale è molto simile alle difficoltà dello spettro autistico - ha detto Baković.

Effetti negativi sullo schermo

Ha spiegato che durante la conversazione con i genitori sono emerse informazioni su come il bambino trascorre da quattro a cinque ore al giorno davanti allo schermo nei suoi primi anni di vita, e alcuni bambini anche di più.

- Le difficoltà che vediamo nel funzionamento di un bambino nei suoi primi anni di vita sono spesso causate da una lunga permanenza davanti allo schermo. Qualsiasi cosa più lunga di mezz'ora è considerata a lungo termine, con i neuropediatri che dicono che entro il terzo anno del bambino non dovrebbe essere nemmeno mezz'ora. I bambini con cui ho a che fare sono stati davanti allo schermo per quattro, cinque o più ore in totale durante il giorno. Il bambino guarda il cellulare o il tablet al mattino mentre mangia, mentre la madre prepara il pranzo, dopo aver dormito un po 'è di nuovo davanti allo schermo, e di nuovo mentre mangia ... - ha aggiunto.

Secondo lui, il tempo trascorso in questo modo può avere due effetti negativi.

- Il primo è che il bambino pratica ciò a cui è esposto. Se un bambino è esposto agli schermi in tenera età, viene addestrato a comunicare con gli schermi. Nei primi contatti del bambino con lo schermo, cerca di stabilire una comunicazione con il contenuto in esso. Poiché ciò che è sullo schermo non ricambia, il bambino inizia a chiudersi perché non riceve risposta nella comunicazione. Più avanti qui abbiamo un quadro clinico che assomiglia a "auto-orientamento", che spesso sentiamo come una nozione di sogno ad occhi aperti - ha spiegato.

Lo psicologo ha aggiunto che il bambino sviluppa quindi "mondi interiori", che sono indipendenti da quello in cui vive.

- In tenera età, si apprende che c'è un mondo sullo schermo e il bambino sviluppa un altro mondo per se stesso e questi due mondi non comunicano tra loro. Questo è il danno maggiore dello screening. Il bambino non ha imparato a comunicare con lo schermo, perché lo schermo non si allinea con il bambino e non monitora la sua comunicazione, quindi il cervello del bambino viene addestrato a spegnersi. Quando vediamo che è fuori controllo, che il bambino non vede altri bambini, si ritira nei loro mondi e angoli, o quando parliamo di qualcosa e ci ignora, non presta attenzione ai fratelli, ai nuovi ospiti e simili, poi la situazione è allarmante - ha sottolineato.

Quello che è molto importante sapere, crede il nostro interlocutore, è che "quello che esercita, il bambino alla fine esercita anche".

- I bambini nascono sani e un cervello sano si armonizza con il contenuto a cui è esposto, gli esercizi. Se lo metti davanti allo schermo, si allena nei suoi arresti ", ha detto.

Un'altra negatività che deriva dalla proiezione, dice Baković, è che il bambino ha perso molto a causa del tempo trascorso davanti allo schermo, che gli ha causato enormi danni.

- Oltre al fatto che il cervello del bambino è stato stimolato unidirezionalmente nel primo periodo di vita, è un altro peccato che tutti gli altri centri non siano stati stimolati. I genitori spesso vengono da noi psicologi dopo un neuropediatra che ha detto loro che il magnete cerebrale è pulito, ma non è chiaro per loro perché il bambino non sta parlando. Cellule sane nel cervello, neuroni sani sono solo materiale che può essere utilizzato per uno sviluppo cognitivo ordinato. Ma da solo non lo farà. Se hai materiale per la casa, non si costruirà da solo. Il materiale potrebbe non funzionare. Anche se avevi tutto, non hai una casa. Così è con le cellule sane del cervello, perché non significano uno sviluppo cognitivo ordinato. È necessario uno stimolo dall'ambiente - ha sottolineato.

Il cervello funziona secondo le leggi della natura

Nella prima età del bambino, ci sono stadi ottimali di sviluppo e periodi in cui, come afferma il nostro interlocutore, dovrebbero essere stabilite la capacità di concentrazione, coordinazione del linguaggio, espressione muscolare, stabilire il contatto visivo e simili.

- Il nostro cervello è una parte della natura e funziona secondo le leggi della natura. Ci sono periodi specifici nello sviluppo di un bambino che si sviluppano cognitivamente e mentalmente ogni mese. È noto quali abilità di un bambino si sviluppano in quale mese di vita, ma non da soli, ma con stimoli dall'ambiente. Se un bambino rimane sotto una campana di vetro, isolato da quello stimolo, e "vegeta" davanti allo schermo, i neuroni non si connettono tra loro da soli. Affinché queste cellule del cervello si connettano, si formano sinapsi, una rete di neuroni e una rete di neuroni è un'abilità. Il primo passo manca a causa dello schermo, e cioè la stimolazione dall'ambiente, più la stimolazione unidirezionale che gira il bambino verso di lui e lo chiude, dove abbiamo un'immagine autistica e abbiamo rallentato lo sviluppo del linguaggio e del linguaggio - ha spiegato Baković.

Le capitava spesso che una madre arrivasse con un bambino che non parlava la lingua parlata dai suoi genitori, ma l'inglese, per esempio.

- Succede quando il bambino in quella comunicazione unidirezionale era così persistente per la sopravvivenza, e anche con lo schermo che non gli parlava, che ha iniziato a ripetere dopo di lui. Lo schermo non stabilisce la comunicazione con il bambino, ma per disperazione di comunicare con qualcuno, il bambino inizia a comunicare in termini di clip che acquista dal contenuto a cui è esposto. Lascia che i bambini nella pozzanghera, nel fango, nel legno, nella pietra, restringano e stimolino il cervello - ha sottolineato.

Questo problema viene affrontato come parte della terapia del neurofeedback. La psicologa afferma di aver creato prima un quadro clinico del bambino, che è lo stesso nell'autismo e nello pseudo-autismo.

- L'immagine è la stessa, ma il ritmo dei progressi del bambino è diverso. Nel primo quadro clinico - l'autismo, il progresso è molto, molto più lento. Il neurofeedback serve a ridurre l'intensità delle difficoltà, ma il mio obiettivo è lavorare anche sulla prevenzione. Per me, il 2018 è l'anno dominante nelle terapie. Questi sono bambini di due anni. Cerco di parlarne, di promuovere ... I genitori, che vengono da me e scoprono la verità di essere partecipanti al danno arrecato al bambino, sono disperati. Dico loro "non beneficiate di quella disperazione, tiriamo fuori il bambino ora, e promuovete e parlate. Gli schermi per bambini sono fuori questione", ha concluso.

Grazie per il suo contributo. Sì, certo, questo è un argomento attuale e importante, non abbastanza trattato. Bisogna essere più consapevoli che il bambino "assorbe" ( Maria Montessori parlava di 'Mente Assorbente') quello che c'è nell'ambiente, e quindi se ci sono aspetti 'tossici', assorbe anche quelli. L'abuso di 'schermi' ( video, TV, tablet, telefonini) è sicuramente tossico e va evitato sicuramente. Solo quando il bambino ha fatto esperienza del mondo umano, ha imparato a relazionarsi, comunicare e usare anche il linguaggio, direi che l'uso dei dispositivi elettronici può essere permesso, sempre con moderazione. Non sappiamo quali saranno gli effetti a lunga scadenza, ma ormai le nuove generazioni nascono 'digitali', si dice.
Un problema è che attualmente, almeno credo, nelle diagnosi che vengono fatte di 'spettro autistico', non vengono considerati i fattori ambientali che possono disturbare lo sviluppo, come l'uso dei video, appunto, e così pure altri fattori.

Venerdì siamo stati a Trieste per un secondo parere e la dottoressa ci ha detto così:

" Vedo il piccolo B****** che ha adesso 26 mesi di età ed è stato già visto mesi fa dall'equipe di Gorizia, dove ha ricevuto una diagnosi di disturbo dello spettro autistico. Vedo tante buone aperture sociali di buona qualità (es: mi guarda mentre sta formulando la richiesta e indica e guarda spesso anche il padre), tuttavia vedo anche comportamenti di gioco ripetitivi (allinea gli oggetti, oppure li mette in un certo ordine e poi aumenta molto la frequenza della produzione vocale autoreferenziale in modo solitario) e osservo molte stereotipie vocali e linguaggio autoreferenziale.- Ritengo che i progressi fatti in questi mesi in cui il bimbo è stato esposto alla lingua italiana e soprattutto all'esperienza socializzante dell'asilo nido, oltre al fatto che i genitori hanno modificato alcune errate abitudini familiari (il padre dichiara che il bimbo trascorreva circa 6 ore davanti alo schermo della TV e del tablet), dimostra che esistono buone potenzialità di apprendimenti e possibilità di modifica dei comportamenti atipici che anche io ho avuto modo di osservare. Concordo con i colleghi sull'ipotesi di disturbo dello spettro autistico seppure a mio avviso di entità non grave. Metteremo in programma un DH a scopo diagnostico la cui data sarà comunicata alla famiglia telefonicamente. Cordiali saluti "

Ora io mi chiedo com'è possibile che un bambino possa cambiare da ZERO DUBBI per quanto riguarda l'autismo ad rischio di autismo in 4.mesi senza una terapia ? L' unica sua terapia che abbiamo spento il televisore ( nemmeno una pubblicità, staccato dalla spina nella sua presenza ) e giocare con lui sul tappetto. Ora lui conosce tutti i numeri, lettere, animali, versi degli animali, frutta, verdura, chiede la pappa, succo, acqua, dice caduto se cade qualcosa o si fa male sbattendo su qualcosa, và a buttare qualcosa nelle scovazze sulla mia richiesta, accende la luce, la spegne sempre a mia richiesta, tira giù i calzini, scarpe, la giacca sempre a mia richiesta , conta fino a 10, beve dal bicchiere da solo, mangia con il cucchiaio da solo, mi misura la temperatura con il trapano giocattolo da solo. Com'è possibile ottenere tutto ciò senza una terapia ? Perchè nessuno in Italia mi ha mai consigliato ( anzi in Bosnia la dottoressa me l'ha ordinato ) di spegnere ogni apparecchio in casa ? Bisogna provare tutto e i neuropsichiatri devono sapere e cercare ogni giorno ogni ipotesi per aiutare i nostri piccoli

Ho letto diverse volte la sua storia perché è molto simile alla nostra. Complimenti per il suo bimbo e le auguro che possa crescere e progredire sempre per il meglio. Anche noi da un mese abbiamo spento ogni apparecchio in presenza del bambino e vediamo che ha fatto dei miglioramenti. Nostro figlio ha 22 mesi e mezzo e fra un po’ fa 2 anni. Non parla ancora ma dice monosillabe diverse. È più attento adesso e interagisce di più con noi. A noi ci è stato fata una visita di 1 ora dove ci hanno detto che ha dei fattori di rischio per spettro autistico e che deve fare terapia per 2 ore al giorno e andare al asilo nido con maestra di sostegno per 2 ore al giorno. Il punto è che veramente ci mangiano sopra a questi bambini che hanno qualche difficoltà, ma invece di trovare le difficolta e risolverle dobbiamo portarli da gente sconosciuta che vuole interagire con il bambino senza la nostra presenza. Noi abbiamo fatto solo 2 ore di terapia e poi abbiamo smesso. Mio figlio quando è tornato a casa il secondo giorno della terapia mi ha abbracciato così forte, mi sorrideva e aveva lo sguardo che diceva:”Perché mi hai portato li, cosa ho fatto di male?”. Da quel giorno non l’ho più portato.
Speriamo anche noi che nostro figlio progredisca come il vostro. Però da come lo vediamo scontriamo solo 2 problemi. Il fatto che non parli ancora e ha bisogno di più tempo per socializzare. Per il resto va bene. Non indica con il dito ma si fa capire benissimo quello che vuole. Ti porta lui le cose oppure ti prende per mano e ti porta nel posto che vuole e con le due mani e con la voce si fa capire quello di cui ha bisogno. Quando ho detto al medico che l’ha visitato com’è cambiato mio figlio in 2 settimane è rimasta sbalordita e mi ha chiesto subito se avevamo iniziato la terapia. Gli ho detto no, non abbiamo iniziato la terapia. Abbiamo fatto solo 2 ore di psicomotricità. E gli ho detto forse era solo un periodo per il fatto che in un mese ha emesso 4 denti, in più troppo esposto a tablet e TV. Lei ci ha subito consigliato di fare terapia comunque e di non affidarci al fatto che ha fatto progressi. Ma dico io: Hai visto mio figlio in un ora dove lui giocava con la psicomotricista ma non lo guardava negli occhi, però si è fermato a guardare la neuropsichiatra e si è avvicinato a lei e li sorrideva e dici che ha dei fattori di rischio ma..... comunque bisogna fare terapia. E 4 ore al giorno...mica poco. Che sono una montagna di soldi a fine mese perché tutto privato. Posso capire se ha veramente bisogno ma mio figlio cammina benissimo mangia da solo dorme bene, sa giocare bene con i giocattoli. È molto affezionato a noi. Cerca sempre il contatto con noi, ci sorride, è allegro. Non ha stereotipie nei movimenti e non fa cose strane. Può anche avere dei fattori di rischio ma sono cose lievi non gravi per poter obbligare un bambino a fare 4 ore di terapia al giorno...
Comunque sono stata contenta di sentire la vostra storia e i progressi del vostro bambino. Complimenti e tanti auguri per il futuro del vostro bambino.

Ha pienamente ragione. Se in Bosnia ( e Croazia, sembra) ci sono molti neuropsichiatri così mi sembra un'isola felice, rispetto al resto del mondo dove purtroppo, se un bambino mostra qualche difficoltà, si cerca solo di diagnosticare lo spettro autistico senza occuparsi di fattori ambientali che possono disturbare il suo sviluppo, come l'eccessiva esposizione tv e video. Purtroppo da noi la maggioranza dei npi non è sensibile a questi aspetti, perchè è stato loro insegnato in questo modo, da cattivi maestri . Non so se ha visto il mio libro, La Bolla dell'Autismo , in cui denuncio appunto questa situazione. Ha visto dove è arrivato il fantasma dell'autismo, nella tragedia di Treviso dove un padre ha ucciso il figlio di due anni e se stesso per la diagnosi ricevuta.
Bisognerebbe cambiare le cose, prima che la situazione diventi ancora più grave. Provi a scrivere a un giornale, forse a un genitore che descrive la sua esperienza potrebbero dare visibilità, cosa che a me finora non hanno dato. Bisognerebbe che le persone interessate si unissero in un movimento, un'associazione, un comitato per cercare di smuovere una situazione che sembra congelata e inamovibile, per ora.

Storia molto simile alla nostra. Bimbo di 2 anni appena compiuti. A 22 mesi non si girava al nome, era poco attento e non guardava negli occhi, giochi stereotipati e nessuna parola. Passava 5/6 ore davanti alla tv. Portato da neuropsichiatra infantile il quale ci dice di stimolarlo il più possibile e di spegnere la tv e di non fargli più vedere nulla.
Iscritto all'asilo e iniziato pscomotricita con bravissima dottoressa.
In soli due mesi ora mio figlio si gira spesso al nome, ci guarda molto di più negli occhi, è attento all ambinete circostante, si relaziona con i suoi coetanei e sta imparando alcuni ordini come il prendi e dammi, salire le scale e scendere.Sorride ed è sereno, un bambino completamente trasformato. A casa sempre giochi sul tappeto e stimoli corretti suggeriti dalla pscomotricista. I suoi ritardi sono ancora evidenti ma ogni giorno che passa sembra migliorare e fare cose nuove. Ha ancora atteggiamenti sbagliati e non parla, anche se ora ha ripreso a dire bi-sillabe con insistenza. Probabilmente ad oggi con una valutazione sarebbe nello spettro, ma lo stesso neuropsichiatra ha detto di rimandare di almeno altri 4/5 mesi perché il bimbo fa tanti progressi e la valutazione di oggi potrebbe essere molto diversa tra qualche mese.

Ho iniziato anch'io a utilizzare l'espressione "pseudo-autismo" perchè mi sembra chiara e significativa, utile per prospettare con immediatezza una diagnosi alternativa a quella che tutti ricevono invece di 'Spettro Autistico', fatale e senza speranza. La tv e altri schermi sono sicuramente uno dei fattori in gioco nel ritardo e nelle anomalie che si riscontrano, ma forse non solo. Ci possono essere, se uno va a guardare bene, altri fattori disturbanti ma l'importante è che anche questi sono ambientali, cioè presenti nell'ambiente, abitudini, modalità educative non adatte a un bambino piccolo (come lo è l'esposizione alla TV e telefonini). E come tali sono modificabili facilmente e rapidamente, se solo uno se ne accorge ed è disposto a cambiare, e l'effetto sul bambino è quasi sempre molto evidente e positivo.
Il contributo di 'adointer' è stato molto utile perchè ci ha aiutato a mettere a fuoco qualcosa che non era abbastanza considerato. Gli chiedo se può darmi, come link su internet, se non li ha già scritti, i riferimenti agli specialisti citati, in modo da riconoscere il loro merito.

_________________________

AVVISO IMPORTANTE: i consulti on/line hanno solo valore di consigli e non intendono sostituire in alcun modo la visita medica o psicologica diretta.