Crea sito

diagnosi di autismo atipico

CONSULTI PER BAMBINI ADOLESCENTI E FAMIGLIE

Buona sera,
Sono una mamma di un bambino di 5 anni a cui e stata diagnosticato autismo atipico. Le confesso che ho forti dubbi sulla diagnosi. Vorrei vederci chiaro e aver più informazioni. La dottoressa mi pressa con la legge 104, per il percorso scolastico. Prima di fare domanda vorrei approfondire, perché io non credo che il mio figlio sia autistico e mi dispiacerebbe che viva con una diagnosi così per tutta la vita. La prego mi aiuti...

QUESTIONARIO SULLO SVILUPPO PSICOMOTORIO SIMBOLICO-LINGUISTICO E RELAZIONALE

composizione familiare; età dei componenti:Attualmente vive con la mamma, nonna e il fratellino di 4 anni. Il bimbo ha 5 anni. , ha visto la sua prima infanzia in altropaese europeo. Il papà vive li. Siamo venuti a vivere in Italia quando il bambino aveva 2 anni e mezzo.. altre notizie ( bilinguismo, immigrazione, ecc.)

età del bambino/a (data di nascita)23/12/2014

problemi in gravidanza :ho avuto un distaccamento della placenta per una caduta..

NASCITA
a che settimana : parto naturale, 39 settimane,3,100g
Parto ( naturale, cesareo - eventuali motivi-, difficoltà)……………
alla nascita : peso, altezza, circonferenza cranica ...
(eventuali curve di accrescimento epoche successive)……...
indice di Apgar: 1'……./ 5'……….. durata del ricovero in ospedale……..

PRIMI MESI
allattamento: materno ……. artificiale biberon a orario o a richiesta... difficoltà...
inizio pappine, minestrine, ecc:abbastanza bene.
svezzamento (DISTACCO DAL SENO, o dal biberon, se allattamento artificiale), età ……… facile ... difficile ....
eventuali difficoltà.

Non è stato difficile.
ritmo sonno veglia nei primi mesi, orari, difficoltà...
persone che lo accudivano: dormiva 2/3 ore il giorno. La notte senza problemi. Tutta la notte già dal 3 mese.
eventuale ritorno al lavoro della mamma: a quanti mesi?... reazioni del bimbo?

EPOCA SUCCESSIVA
alimentazione:va un po sulle stesse cose. Ma magia da solo senza problemisonno ...., orari e modalità (dove dorme, come si addormenta, ecc)
abitudini ( ciuccio, biberon, orsacchiotto, copertina, ecc) ..... tempo video: televisione, telefonini, tablet...

- SVILUPPO PSICO-MOTORIO:
dove veniva tenuto preferenzialmente dopo i primi mesi, da sveglio: in braccio, nel lettino, nel box, sul passeggino, sul tappeto, libero di muoversi ecc.: si
seduto da solo a che età 2 anni
primi spostamenti a che età e come: rotolando, strisciando, uso del girello ...
primi passi da solo 14 mesi
capacità motorie attuali..

Nessun problema. Va da solo in bagno. Apre chiude la porta e la luce. Anche di notte. Si lava anche.

controllo sfinterico (pipì e popò nel vasino/wc) a che età.....

- SVILUPPO RELAZIONALE
RELAZIONE e COMUNICAZIONE nel primo anno di vita
primi sorrisi : sorride sempre. Da quando è nato.
curiosità verso oggetti e persone, attenzione,seguire con lo sguardo
Modi di comunicare e richiamare l'attenzione.
Successivamente:
facilità a capirlo e interagire: fino a poco tempo fa non parlava molto. Adesso parla, anche bene. Riesco a fare un discorso con lui.
facilità al pianto e facilità a consolarlo, coccolarlo, ecc ...si. e molto sensibile
reazione di fronte a persone e ambienti nuovi (diffidenza, paura, pianto...) ...
modalità di accudimento: ansioso, apprensivo, preoccupato, tranquillo, sicuro ..

FIGURE PRINCIPALI cui è attaccato.....alla mamma....... i bambino è abituato a vedere altri adulti, parenti, amici?.....

REAZIONI AL DISTACCO dai genitori....e molto attaccato ..

INTERESSE E CURIOSITÀ VERSO LE PERSONE .... adulti ...... bambini.....

CONDIVISIONE cerca di coinvolgere, condividere interessi, attività, stati d'animo? cerca l'attenzione delle altre persone, magari per farsi battere le mani, o dire bravo, ecc? Attivamente.... Solo passivamente .cerca sempre con lo sguardo se sono attenta a quello che fa. Non ama tanto condividere perché non è mai stata a scuola e non lo sa fare. Per esempio quando va a prendere qualcosa per lui da bere, porta anche al fratellino ... Non è interessato a condividere ...

- SVILUPPO SIMBOLICO - LINGUISTICO
LINGUAGGIO (età di inizio dei vari punti indicati):
lallazione, gorgheggi...8 mesi
prime parole .....15 mesi.
due parole insieme ...2 anni
uso del no e del sì ....2 anni

frase minima (verbo e sostantivo )....mamma famme
capacità di dialogo: a parole ..4anni. senza parole...
INTERESSE E CURIOSITÀ PER GLI OGGETTI ha molti giochi, ma ama le macchinine. Sa quali i sono le ambulanze, macchine spazzatura e vigili del fuoco.
USO DEI GIOCHI e degli oggetti ( gioco funzionale ....imitativo .....rappresentativo ), descrivete come usa giochi e oggetti.
DISEGNO SPONTANEO disegna il sole, lino e case. Sa colorare e li piace molto fare dei lavoretti tipo puzzle. Li facciamo in casa. Quelli semplici.
scarabocchio , linee, cerchi... omino-testone ... figure, casetta, ecc ...

ATTENZIONE nelle varie attività e interessi: breve ... lunga .... ...

COMPRENSIONE DELLE COSE E DELLE RICHIESTE ....si

COMUNICAZIONE DEI SUOI BISOGNI E DESIDERI ....si

UMORE

- COMPORTAMENTO
(tranquillo, iperattivo, capriccioso, ecc)....,adesso tranquillo
adesione a regole, orari, limiti, ....si
obbedienza agli adulti .....si
reazione a divieti, frustrazioni ....piange
capricci, bizze ...si
paure, fissazioni....paura del cavallo a dondolo

- SCOLARIZZAZIONE
asilo nido …scuola infanzia…. A che età ……4 e mezzo………. Reazioni eventuali …………difficile al inizio.
Scuola materna …………….. eventuali difficoltà di inserimento, ambientamento.........si...
Successive scuole ....... apprendimento ........ comportamento ......al inizio dirompente, poi si è calmato...

RAPPORTI SOCIALI, occasioni di incontri con altri, parenti, amicizie, ambiente extrafamiliare ......zio.. ...

- SITUAZIONE AMBIENTALE E FAMILIARE
altri conviventi (nonni, parenti, ecc) ……nonna fratellino e mamma…… inserimento sociale della famiglia (emigrati, trasferiti, ecc).... contatti sociali...
Organizzazione familiare per l'accudimento (orari dei genitori, nonni, baby sitter, ecc: descrivete come siete organizzati, la giornata tipo del bambino e della famiglia).......la mattina la mamma la sera la nonna
modalità educative (permissive, ferme, severe, variabili, orari di sonno, dove dorme, chi 'comanda': adulti o bimbo? ecc .....).......adesso dorme nel suo lettino ma accanto alla mamma..,
tempo video (cioè passato alla televisione, video-giochi, telefonino ecc)

- EVENTI PARTICOLARI,
cambiamenti, trasferimenti, nascite, lutti, malattie di familiari, difficoltà, ecc....
Visite mediche, ospedale, altro......La separazione del Papa che vive in Francia
Eventuali esami fatti e referti (Udito, vista, eeg, rmn,...)
Altre osservazioni ……….no

Commenti

Non vedo sulla base di quali elementi possa essere stata fatta una diagnosi simile. E' una diagnosi secondo me, ed altri, priva di reale valore. Quali difficoltà ha il bambino?
Le informazioni che ha dato sulla vostra storia e sulle esperienze vissute dal bambino sono un po' troppo scarne per farsi un'idea della situazione, di eventuali difficoltà possibili motivi e rimedi. Se vuole mi dia altre notize, anche sui rapporti con il padre, le reazioni del bambino ai cambiamenti, ecc ecc, e un paio di video per vedere il bambino mentre gioca o fa qualcosa in casa con lei o con il fratellino o la nonna.

Grazie mille per la sua risposta dottore. Lui ha visuto la sua prima infanzia in .... Quando siamo venuti qui aveva solo 2 anni e mezzo. Capisce anche la lingua di là ma non parlava molto...qualche parola. Non è mai stato a scuola anche perché io li non lavoravo. Passava molto tempo con me. Con il papa aveva un buon rapporto. L'unico problema e che io e il papa si litigava tanto...motivo per qui siamo partiti. Ci siamo trasferiti a ,,,, perché la mia mamma vive qui, con i bambini non è stato facile organizzarsi, anche perché appena arrivati qui ho dovuto lavorare. La sera ci stava la mia mamma con loro, perché io lavoravo..... Per i bambini il fatto di non vedermi quasi mai li faceva soffrire. Mi sono accorta in questa quarantena. X ha cominciato a parlare chiaro, chiedermi le cose, interessarsi a tutto. Diciamo che lo è sempre stato, molto curioso. Appena arrivati in Italia ho fatto l'inscizione alla scuola del infanzia ma mi avevano detto che non c'era posto e che si doveva aspettare settembre 2019. X non era abituato con i bambini e non essendo mai stato a scuola ha avuto problemi di inserimento. Non voleva stare seduto al tavolo, non ascoltava e dicono loro a volte assente... La dottoressa mi ha parlato di una chiusura... che io sinceramente non vedo, anche perché con me fa tutto quello che li chiedo. Si concentra delle volte sul frulattore della cucina,o la macchina della spazzatura. E affascinato. Ma se lo chiamo risponde, si gira, mi sorride, gioca. Li piace la campagna, anche perché noi in Francia si stava in una casa con un grandissimo parco, dove lui era libero di girare...e molto geloso del suo fratello, ma io faccio tutto il possibile per farli capire che amo nello stesso modo tutti i due. Abbiamo un ottimo rapporto e lui vive male la separazione. Quando andavo al lavoro piangeva... e quando tornavo mi chiedeva di mettere subito la pigiama... perché sapeva che una volta messa la pigiama non sarei più uscita... Mi piacerebbe prendere un appuntamento e farli vedere il bambino. I miei dubbi sono forti, anche perché non ce mai stata chiarezza... una volta lo è...una volta non lo è... qui si parla della vita di un bambino e del suo futuro...sarebbe un peccato vivere con una macchia. Grazie di tutto dottore.

Caro dottore, sono le 2 di notte e non riesco a dormire. Oggi ho ricevuto una chiamata dalla sua maestra che mi "ordinava" di andare a fare la 104, perché se non l'avrei fatta ci sarebbero dei problemi a scuola. Mi ha pure minacciata che la dottoressa mi farà "patire". Lo sta facendo già...perché mi stanno torturato, sto vivendo un terrorismo psicologico da quando il mio X ha cominciato la scuola. Diciamo che tutto ha iniziato li... ho fissato un appuntamento con la maestra di X prima di cominciare la scuola. Ci voleva conoscere...Devo dire che dal inizio il bambino si è sentito rifiutato. E se non ce contatto con lui non si fa molto...lui è molto sensibile...Non gli si puo mentire..
Fuori dal cortile c'erano dei bambini che giocavano, lui voleva uscire in tutti modi a giocare con loro, mentre il suo fratello che è un po più calmo di carattere e rimasto seduto. Lei mi ha subito detto che c'era qualcosa che non andava nel bambino... e che secondo lei ha problemi grossi...e da lì il nostro calvario. Comincia la scuola... ogni santo giorno che mi vedeva (non teneva conto che ci sono bambini che ascoltano o adulti) mi diceva di prendere appuntamento al asl per farlo vedere ad un specialista perché secondo lei il bambino e malato...le confesso che non l'ho mai pensato, perché fino ai 2 anni e mezzo e stato seguito da una bravissima dottoressa francese, che sicuramente se c'era qualcosa che non andava me l'avrebbe detto. Dopo tanti pressanti momenti di terrorismo psicologico, alla fine ho ceduto e ho chiesto appuntamento al asl. Quello che non sapevo e che la maestra in questione è la dottoressa si conoscevano già...prima di andare al appuntamento la maestra mi ha detto che avrei dovuto farla più grande di quello che è per avere i aiuti per il bambino. Cioè mentire ,che mi fa di tutto, e cosi via... ma io non l'ho fatto. Ho detto solo la verità. Il bambino e stato visitato prima dalla dottoressa neuropsichiatra infantile. Poi dalla educatrice e logopedista, la logopedista l'ho vista solo 3 volte. Dopo di che è sparita...dicendo che il linguaggio c'è e che recupera da solo... loro hanno continuato a cercare problemi e cose su qui dicono che ce da lavorare... mi hanno parlato di un rischio del autismo, non del autismo... hanno detto che non ce differenza per loro...ma per me si! Ecco perché vorrei più chiarezza. Vorrei sapere se mio figlio ha bisogno veramente d'aiuto oppure no. Non so più che fare. La prego dottore mi aiuti perché io qui non ho nessuno. Sono sola e invece di aver sostegno mi attaccano da tutte le parti, distruggendo la nostra armonia. Confido nella sua risposta.

Ho visto anche i film che mostrano un normale bambino di 5 anni che dà da mangiare a dei capretti, insieme al fratellino, attento e intento in quello che fa, chiedendo anche delle cose alla mamma. In un altro video in casa lui e il fratellino fanno una specie di puzzle per terra con numeri che mettono al loro posto, con l'attenzione e lo stimolo della mamma che li segue.
Il bambino non ha nessuna malattia, ma può avere delle difficoltà di ambientamento e di adattamento alla scuola per via delle vicende che ha attraversato con la famiglia e che forse gli hanno lasciato ansie e insicurezze e paure. Ha bisogno di essere accolto e accettato e compreso e inserito bene nella scuola, non di essere classificato come handicappato, quando non lo è assolutamente. Purtroppo il suo racconto non è raro oggi. Molti genitori sono minacciati se non fanno quello che maestre operatori e specialisti ordinano loro, quasi una consorteria che sta cercando di mettere le mani su tanti bambini esautorando i genitori. Non sono più solo errori di valutazione e frutto di incapacità e cattiva preparazione. Si trova sempre più arroganza e fanatismo e pervicace convinzione di dover sconfiggere le resistenze di tanti genitori e di chi si oppone al loro 'verbo', convinti di "fare il bene dei bambini", come dicono. Si sa che le buone intenzioni non bastano, e spesso fanno il contrario. E' un iceberg nascosto sotto la superficie, di cui cominciano a vedersi però molte parti venir fuori.
Bisogna che i genitori si rendano conto che devono difendere i loro bambini, molto spesso proprio da chi pretende di fare il loro bene. E forse anche chi vede queste cose e non è d'accordo deve cominciare a combatterle e organizzarsi per farlo.

La volevo aggiornare sulla mia situazione. Questa mattina sono stata convocata per una videoconferenza, anche li hanno cercato di convincermi con questa legge 104. Io ho detto che voglio interrompere tutti i servizi con Asl e andare sul privato. Hanno messo su una bella squadra!!!. ( educatrici, neuropsichiatra, assistenti sociali e la maestra in questione). Vogliano che li porti la certificazione che il bambino e sanno. La dottoressa ha detto che lei rilascia una per la scuola... Tutto questo è un incubo, che spero finirà presto...mi dica quando vuole vedere il bambino. Le porto anche tutti i certificati francesi, dove il bambino e stato seguito fino a 2 anni e mezzo. Mese per mese. Confido nella sua risposta
La prego, non mi lasci sola...

Gentile signora, temo che la scuola e la asl vogliano farle la guerra perchè lei si è ribellata alle loro imposizioni. Per ora fanno pressioni e la minacciano, ma a volte, specialmente nella situazioni che vedono 'deboli', fanno una segnalazione all'assistente sociale o direttamente al Tribunale per i Minorenni e creano così molte complicazioni. Speriamo che non sia così ma pensi eventuamente a come difendersi.
Non esistono "certificati che il bambino è sano", se non quelli che fanno i pediatri per il ritorno a scuola dopo una malattia o per lo sport. Io attualmente non faccio visite dirette, per via del coronavirus. Possiamo fare una videochiamata via skype o whatsapp, con un consulto privato, di cui può vedere le modalità in questa pagina

Allora, dopo la videotelefonata, in cui ho visto i bambini comportarsi normalmente per la loro età, Le posso confermare che non c'è nessuna malattia e pertanto nessun motivo che dia accesso al sostegno scolastico, che è legato a una diagnosi di handicap secondo la legge 104. In ragione della storia un po' travagliata, il bambino ha frequentato poco la scuola e ha avuto forse un po' di ritardo nello sviluppo del linguaggio (per il cambio di lingua) e nelle abilità grafiche ( disegno), . Ma non ha niente di 'autistico'.
Visto che dovrà andare fra poco alla scuola elementare ( primaria), essendo nato a fine dicembre, può essere utile aiutarlo nei prossimi mesi facendo dell'attività prescolastica, che non ha avuto modo di fare per la chiusura delle scuole. Se insorgeranno delle difficoltà si affronteranno al momento.

Salve dottore, ho degli aggiornamenti per quanto riguarda il mio figlio . Ho provato a iscrivere il bambino in un altra scuola privata, consigliata da amici, per la sua necesita...al inizio tutto bene, poi hanno avuto il nulla osta dalla scuola che ha frequentato.La mia amica mi ha chiamato e mi ha detto che senza la 104 nessuna scuola mi lo accetta, a seguito della relazione della dottoressa rilasciata alla scuola, di qui io non sono a conoscenza... Non so neanche cosa c'e scritto. La scuola privata al telefono mi ha detto che non c'era posto, ma in realtà la mia amica mi ha spiegato che il motivo è la 104. Ho bisogno di una nuova valutazione, magari che dica veramente come stanno le cose... una valutazione indipendente dalla scuola! In attesa di una sua positiva risposta o suggerimenti in merito. La saluto cordialmente

E' un buon esempio dei ricatti che spesso fanno le scuole e i servizi alle famiglie che non si piegano ai loro diktat.
Per Legge il bambino ha diritto ad andare a scuola. Le scuole private forse con qualche scusa possono rifiutarlo, quelle pubbliche no. La famiglia ha il diritto di rifiutare il sostegno, anche se c'è una certificazione del npi che lo indica. La scuola pubblica ma forse anche privata ha il dovere di accoglierlo. Tanto più se è già iscritto.
Le consiglio di dire che Lei si rivolgerà a un avvocato per difendere i diritti del bambino. Lei ha diritto anche a rivolgersi a medici di sua fiducia e non a quelli pubblici.
Pensi a un avvocato da cui farsi appoggiare.

Salve dottore, volevo darle un po di notizie per quanto riguarda il mio bambino. Ho preso appuntamento in un studio medico privato, per avere una nuova valutazione... il bambino e stato visitato da solo per 2 volte. A me mi hanno lasciato fuori ad aspettare su una panchina. Ogni volta 2 ore... la prima volta e uscito sconvolto e impaurito, tanto che la seconda volta non voleva più entrare, sudava e tremava... l'ho trovato molto strano. Abbiamo un altro appuntamento che sarà decisivo martedì... Non so che cosa sta succedendo e sono molto preoccupata. Ho cercato un avvocato ma non ho trovato nessuno per il momento. Ho presso un appuntamento anche al ..... Se mi dicono qualcosa di diverso magari cambia qualcosa. Il bambino parla molto bene e ha fatto tanti progressi. Non so più che cosa fare dottore, e a chi rivolgermi.
Ps. Mi è arrivata la mail della scuola, dice che è stato accettato. Speriamo bene...

Signora, se è accettato a scuola, perchè fa tutte queste altre cose?. A che servono? Non è mica obbligata. Si vedrà che cosa succederà a scuola. Intanto cercate di passare l'estate nel modo meno ansioso e stressante possibile.

Faccio questo perché la dottoressa ha rilasciato una relazione alla scuola e ha fatto anche una segnalazione agli assistenti sociali. Ho ricevuto anche una chiamata dal ASL. Era la logopedista che vuole vedere il bambino... quindi non mi lasceranno in pace... Non vorrei essere accusata che non mi occupo come dovuto del bambino. Magari con una valutazione diversa cambia tutto... visto che e stato fatto tutto per iscritto, anche io devo rispondere nella stessa maniera. Voglio solo difendere i dritti del mio figlio. Grazie per la sua risposta dottore.

Come esempio di 'rete' persecutoria, invece che di aiuto, non c'è male. Bisogna che sappia che i sanitari ( ASL, medici, logopedisti, ecc) non hanno il diritto di imporre visite o altro. Anzi possono essere denunciati per violazione della privacy, ad esempio, perchè la dottoressa non poteva trasmettere relazioni su suo figlio alla scuola senza autorizzazione della madre. Solo il Tribunale può obbligare i genitori, ma questi hanno il diritto di difendersi, se ritengono che il provvedimento imposto sia ingiusto o sbagliato. E non è detto che il Tribunale dia ragione ai servizi sociali, anche se spesso è così, e spesso magari prende provvedimenti sbagliati. Come sembra sia successo nel caso di Bibbiano, ad esempio, che è arrivato agli onori della cronaca. Ci pensi, a volte bisogna appunto difendere i propri diritti e dei propri figli.
E i sanitari dovrebbero essere chiamati a rispondere dei propri errori e dello stress causato spesso indebitamente alle famiglie e conseguentemente del danno causato ai bambini, con la scusa di agire 'per il loro bene'. Come sembra essere stato visto che il bambino usciva molto disturbato da quelle sedute, come appare dalla sua descrizione.
Mi tenga informato, se vuole. In bocca al lupo.

_________________________

AVVISO IMPORTANTE: i consulti on/line hanno solo valore di consigli e non intendono sostituire in alcun modo la visita medica o psicologica diretta.