Crea sito

Bambino 2 anni e 10 mesi, sospetto spettro autistico

CONSULTI PER BAMBINI ADOLESCENTI E FAMIGLIE

Buongiorno,

a mio figlio è stata data una prima diagnosi di sospetto dello spettro autistico, ora siamo in attesa di fare altre due visite per avere conferma o meno.
Io non sono molto ferrata sull'argomento. Mio figlio ha delle particolarità, ma è anche un coccolone, mi guarda negli occhi, chiede le coccole, dice un sacco di parole (in italiano e in inglese), indica, triangola lo sguardo, a livello motorio credo sia nella norma, la pediatra non ha mai valutato diversamente nelle visite di controllo. Non cammina sulle punte, anche se lo ha fatto un poco alla visita perché aveva delle scarpe nuove, ma a casa con le calze non lo fa.

Il motivo per cui è stato visto da una neuropsichiatra infantile è che ha degli atteggiamenti "strani", ripete a memoria delle frasi dei cartoni o liste che ha sentito in TV (Pera, Mela, Banana... sempre nello stesso ordine), ogni tanto, ma proprio poco, sfarfalla con le mani se contento. Si struscia spesso il viso su libri e giocattoli. Regge poco le frustrazioni e si arrabbia molto, ma niente che non passi in 10, 15 minuti.

Conta in due lingue fino a 100, anche al contrario, ha capito che spostando l'ordine dei numeri ottiene un numero nuovo (52-25), conosce l'alfabeto e legge qualche parola.
Ha iniziato a dire numeri e alfabeto a un anno e mezzo. Colori e forme sono arrivati pochi mesi dopo, riconosce e nomina correttamente colori come indaco e forme come ottagono. Non dice molte frasi, anzi direi che con il linguaggio "comunicativo" forse è un po' indietro. Le parole le conosce e le dice anche abbastanza bene, ma sono più che altro nomi di oggetti, cibi, forme, colori e cose così.

Se fosse davvero autismo dobbiamo temere una regressione? Potrebbe perdere le competenze acquisite fino ad ora?
Mio figlio è un anno che non frequenta altri bambini, per via del covid è stato ritirato dal nido. è stato solo con noi genitori, principalmente con me. Qualche volta ha visto i nonni.
In ogni caso, credo che anche questo isolamento costretto non lo abbia aiutato con la capacità di comunicare correttamente e la noia, che per quanto io mi sia sforzata purtroppo è presente, abbia giocato un ruolo in questo suo modo strano di comunicare.

Lei che cosa ne pensa? cosa dobbiamo fare per aiutare nostro figlio?
Grazie

Commenti

Composizione familiare: Mamma papà figlio
età dei componenti 35
bilinguismo, entrambi italiani, ma parliamo anche inglese
nato 1/4/18

problemi in gravidanza: parto prematuro a 35+6, rischio di partorirlo a 21 settimane, intervenuti con cerchiaggio

NASCITA
a che settimana 35+6
Parto naturale,
alla nascita : peso 2.6kg, altezza 50cm,
(eventuali curve di accrescimento epoche successive) regolari
indice di Apgar: 1' 9/ 5' 10
durata del ricovero in ospedale 7 giorni per lui

PRIMI MESI
allattamento: materno fino a 3 mesi. artificiale fino ai 7 mesi (poi scoperta allergia al latte)
a orario difficolta solo col seno all'inizio, era pigro
.
svezzamento (DISTACCO DAL SENO, o dal biberon, se allattamento artificiale), età 5 mesi facile
eventuali difficoltà nessuna
ritmo sonno veglia nei primi mesi, orari, difficoltà HA SEMPRE DORMITO BENE
persone che lo accudivano MAMMA, POI NIDO, POI MAMMA DI NUOVO
eventuale ritorno al lavoro della mamma: a quanti mesi? 6 MESI reazioni del bimbo? TRANQUILLO AL NIDO

EPOCA SUCCESSIVA
alimentazione REGOLARE, MA LIMITATA DA ALLERGIE
sonno .SEMPRE DORMITO DA SOLO NEL SUO LETTINO
orari e modalità DORME DALLE 22 ALLE 6.30 E DALLE 14 ALLE 16.30, SI ADDORMENTA DA SOLO NEL SUO LETTO
abitudini CIUCCIO SOLO DI NOTTE, HA UN DOUDOU CHE TIENE PER DORMIRE
tempo video: televisione, telefonini, tablet ORA MENO DI UN'ORA AL GIORNO DI TV. NEGLI ULTIMI MESI QUALCHE ORA DI TABLET

- SVILUPPO PSICO-MOTORIO:
dove veniva tenuto preferenzialmente dopo i primi mesi, da sveglio: SUL TAPPETO LIBERO DI MUOVERSI
seduto da solo a che età 6 MESI
primi spostamenti a che età e come: rotolando, strisciando, uso del girello 10/11 MESI CIRCA
primi passi da solo 12 MESI
capacità motorie attuali....CORRE, SALTA A PIEDI UNITI, SCALE IN SALITA, MENO IN DISCESA, SI ARRAMPICA
controllo sfinterico (pipì e popò nel vasino/wc) a che età NON ANCORA RAGGIUNTO
- SVILUPPO RELAZIONALE
RELAZIONE e COMUNICAZIONE nel primo anno di vita
primi sorrisi DA SUBITO, HA SEMPRE SORRISO MOLTO
curiosità verso oggetti e persone, attenzione,seguire con lo sguardo DIREI DI SI'
Modi di comunicare e richiamare l'attenzione. DA PICCOLO PIANGENDO, ORA VIENE A CHIAMARCI SE NON SIAMO IN STANZA.
Successivamente:
facilità a capirlo e interagire FACILE
facilità al pianto e facilità a consolarlo, coccolarlo, ecc NON PIANGE SPESSO, MA NEL CASO RIUSCIAMO A CONSOLARLO, SE PROPRIO DIVENTA DIFFICILE BASTANO CIUCCIO E DOUDOU
reazione di fronte a persone e ambienti nuovi (diffidenza, paura, pianto...) TRANQUILLITA' E VOGLIA DI ESPLORARE
modalità di accudimento: CREDO TRANQUILLO

FIGURE PRINCIPALI cui è attaccato MAMMA E PAPA', NONNI MATERNI
i bambino è abituato a vedere altri adulti, parenti, amici? CAUSA COVID MOLTO POCO

REAZIONI AL DISTACCO dai genitori TRANQUILLO

INTERESSE E CURIOSITÀ VERSO LE PERSONE adulti DIREI DI SI' bambini NE HA VISTI POCHI NELL'ULTIMO ANNO, MA QUANDO E' CAPITATO E' CORSO DA LORO

CONDIVISIONE cerca di coinvolgere, condividere interessi, attività, stati d'animo? cerca l'attenzione delle altre persone, magari per farsi battere le mani, o dire bravo, ecc? ATTIVAMENTE, NON LO FA SPESSISSIMO, MA LO FA

- SVILUPPO SIMBOLICO - LINGUISTICO
LINGUAGGIO (età di inizio dei vari punti indicati):
lallazione, gorgheggi 4 MESI
prime parole 14 MESI
due parole insieme 18 MESI
uso del no e del sì SCARSISSIMO
frase minima (verbo e sostantivo ) NO
capacità di dialogo: a parole NO senza parole NOI LO CAPIAMO
INTERESSE E CURIOSITÀ PER GLI OGGETTI
USO DEI GIOCHI e degli oggetti ( gioco funzionale ....imitativo .....rappresentativo ), descrivete come usa giochi e oggetti.
GIOCA NORMALMENTE, MA GLI PIACE ANCHE METTERE IN RIGA GLI OGGETTI (MACCHININE, PENNARELLI...). SPESSO SI PASSA I GIOCHI SULLA FRONTE. NON AMA TANTISSIMO SPORCARSI LE MANI, MA GIOCA A COLORARE E CON LA SABBIA CINETICA. hA IMPARAATO DA POCO A FINGERE DI MANGIARE FRUTTA DI PLASTICA E LA OFFRE ANCHE A NOI.

DISEGNO SPONTANEO
scarabocchio , SIAMO FERMI A linee, cerchi

ATTENZIONE nelle varie attività e interessi: breve, A MENO CHE NON SIANO COSE CHE GLI PIACCIONO MOLTO, COLORI, FORME, LETTERE E NUMERI

COMPRENSIONE DELLE COSE E DELLE RICHIESTE DIREI SCARSA

COMUNICAZIONE DEI SUOI BISOGNI E DESIDERI DICE ACQUA SE HA SETE, SI SIEDE A TAVOLA SE HA FAME, INDICA GLI OGGETTI A CUI NON ARRIVA, ALCUNI LI NOMINA SE CONOSCE LA PAROLA

UMORE QUASI SEMPRE SERENO E FELICE

- COMPORTAMENTO
(tranquillo,
adesione a regole, orari, limiti, BUONA
obbedienza agli adulti SI'
reazione a divieti, frustrazioni A VOLTE ANCHE PIANTI SCATENATI, IN CUI CERCA DI COLPIRE CON I PIEDI CHI SI AVVICINA O I GIOCHI, POI LO CALMIAMO, MA ALL'INIZIO E' IMPEGNATIVO

fissazioni RIPETE SPESSO ELENCO DI COSE, OGGETTI, SENTITI NELLE CANZONCINE. RIPETE I NOMI DEI PIANETI CHE CONOSCE MOLTO BENE, CONTA SPESSO SENZA MOTIVO O DICE L'ALFABETO

- SCOLARIZZAZIONE
asilo nido SI A che età 6 MESI FINO 22 MESI Reazioni eventuali ADATTATO PERFETTAMENTE

RAPPORTI SOCIALI, occasioni di incontri con altri, parenti, amicizie, ambiente extrafamiliare UNA BABY SITTER CON CUI SI TROVA BENE, MA SALTUARIA. ALTRIMENTI I NONNI MATERNI

- SITUAZIONE AMBIENTALE E FAMILIARE

Organizzazione familiare per l'accudimento SVEGLIA VERSO LE 7, COLAZIONE, VESTIZIONE, GIOCO LIBERO, MERENDA ALLE 9.30, GIOCO CON MAMMA O BABY SITTER, PRANZO VERSO LE 12.30, NANNA ALLE 14 FINO ALLE 16/16.30, GIOCO CON I NONNI, CENA ALLE 19, GIOCHI CON MAMMA E PAPA', ALLE 21.00 LAVAGGIO DENTI E CORPO E 21.30 NANNA
modalità educative FERME, RIDIAMO MOLTO INSIEME, MA SE DICIAMO NO E' NO. (

tempo video (cioè passato alla televisione, video-giochi, telefonino ecc) ORA POCHISSIMO, FINO A SETTIMANA SCORSA SPESSO USAVA IL TABLET

- EVENTI PARTICOLARI,
NESSUNO
Visite mediche, ospedale, ALLERGICO A PROTEINE DEL LATTE, GLUTINE, BANANA, CANI, POLVERE.
Eventuali esami fatti e referti SEMPRE TUTTO A POSTO
Altre osservazioni A VOLTE SFARFALLA CON LE MANI E FA VERSI ACUTI

Purtroppo oggi mettono nello stesso calderone dello Spettro autistico bambini con gravi difficoltà di sviluppo ed altri che hanno solo 'segni' sfumati e non difficoltà in sè. E' un grave errore e una grave iattura diffusa come una pandemia. potete orientarvi forse leggendo il libro La Bolla dell'Autismo, che trovate in cima alla pagina, sotto il nome del sito. ( prima delle prossime visite, vi consiglio, per premunirvi di quello che può capitarvi, se volete farle...) Scusate l'auto-promozione, ma può aiutarvi a non cadere nella trappola.
Sfarfallamenti, versi vari ecc, vengono chiamati 'stereotipie motorie, o verbali, ecc', ma non sono in sè patologiche. Vedete la pagina specifica, qui nella colonna a destra. Conta tutto il bambino, come persona intera, non segni e sintomi, in questo caso.

Alcune modalità di gestione forse non sono molto adeguate: addormentarsi da solo, senza compagnia è utile per i genitori, ma non per il bimbo. L'addormentamento, come il distacco dai genitori, sono momenti delicati di separazione che vanno gestiti consapevolmente: sia una eccessiva ansia di separazione ( e reazione all'estraneo), sia la mancanza di questa, sono segni che mettono sull'avviso ( non di malattie, ma di possibili difficoltà e modalità più o meno adeguate di affrontarle). Forse il bambino patisce l'isolamento sociale, passare gran parte del tempo con una persona sola a volte può essere un po' pesante per entrambi. La comunicazione richiede in effetti la presenza di più persone, i bambini imparano a comunicare e a parlare imitando quello che vedono nell'ambiente. Restare con una persona sola, anche se la mamma, per molte ore, può essere poco stimolante per lo sviluppo. Può essere da valutare se fare dei cambiamenti.
Per approfondire un po' la situazione, se volete, mandatemi dei video per email o su youtube, seguendo le indicazioni nella colonna a sinistra, alla voce Video.

_________________________

AVVISO IMPORTANTE: i consulti on/line hanno solo valore di consigli e non intendono sostituire in alcun modo la visita medica o psicologica diretta.